Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Quando l'acciaio è un affare di famiglia. Storia dei Falck

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

importare quel capitale umano idoneo a propagare la conoscenza dei progressi ottenuti nella tecnica. Il mutamento nella situazione politica non portò nessun miglioramento nelle caratteristiche di base dell’industria lombarda, la cui produzione rimaneva disseminata in una miriade di piccole fabbriche artigiane, sempre gravate dall’alto costo delle materie prime e della lavorazione, e da un mercato ristretto dove il più conveniente prodotto austriaco la faceva da padrone. Per dare una scossa a questo contesto, e invertire la rotta, ci vollero l’opera e l’ingegno di alcune generazioni di industriali (fra cui Giorgio Enrico Falck Sr.). La situazione nel resto della penisola non era certo molto diversa, e solo grazie allo sforzo di alcuni politici e imprenditori si cercò di uscire dalla stagnazione e di cambiare la situazione. Così, in Toscana si arrivò al divieto di importazione del ferro straniero, alla privatizzazione degli impianti della Magona e alla riduzione del prezzo ufficiale del ferro: grazie a questo insieme di misure, nel 1845 si riuscirà ad ottenere un terzo della produzione del metallo italiano. Focolai di ripresa si osservano anche nel Regno delle Due Sicilie e in Piemonte, dove vennero costruite nuove ferriere 4 . 1.3 I primi compiti di Giorgio Enrico Falck e l’opera svolta nella società “Rubini, Falck Scalini & Comp.”. Al suo arrivo a Como, il giovane ingegnere alsaziano si trovò di fronte un ancor più giovane industriale lombardo, Giuseppe Rubini, nipote di quel Pietro Rubini che, nel 1791, acquistò diritti di proprietà e stipulò contratti di affitto che gli conferirono il completo godimento della zona metallurgica di Dongo, zona conosciuta da qualche secolo per l’attività siderurgica che vi si svolgeva. Il padre di Giuseppe, Gaetano Rubini, nel 1801 acquistò il resto delle proprietà dei conti Giulini, e diede vita alla “Gaetano Rubini e C.”, 4 Cfr. ivi, p. 33.

Anteprima della Tesi di Alessandro Esposito

Anteprima della tesi: Quando l'acciaio è un affare di famiglia. Storia dei Falck, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandro Esposito Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5657 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.