Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La multiproprietà: comparazione tra il diritto italiano ed il diritto spagnolo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Infatti, le allettanti proposte da parte di venditori di professione non facevano alcun riferimento ad elementi quali ad esempio: le spese annuali di gestione, i costi di adesione al circuito di intercambio, i possibili alti costi di assistenza legale nel malaugurato caso di controversie all’estero 7 e le difficoltà legate alla rivendita della multiproprietà a terze persone. Le società promotrici, messe nella condizione di determinare liberamente il contenuto dei contratti di multiproprietà, adottavano clausole finalizzate a tutelare esclusivamente i propri interessi a discapito degli acquirenti i quali rimanevano scoperti da ogni garanzia nella fase che andava dalla conclusione degli accordi preliminari alla stipulazione del contratto definitivo. 8 Nonostante un’ampia produzione normativa nel contesto della regolamentazione a livello comunitario della politica del settore turistico, si continuava a sentire l’esigenza di introdurre una legislazione uniforme della multiproprietà, trattandosi di un istituto riguardante lo sfruttamento 7 G. Alpa e M. Bessone, Il consumatore e l’Europa, Padova 1980, pag. 19 8 R. Florit, La multiproprietà (Direttiva comunitaria n. 94/47/CE e d. Lgs. 9 novembre 1998, n. 427), Torino 2002, pag. 33

Anteprima della Tesi di Giuseppe Scassa

Anteprima della tesi: La multiproprietà: comparazione tra il diritto italiano ed il diritto spagnolo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppe Scassa Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4535 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.