Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La previdenza complementare nei sistemi di sicurezza sociale europei

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE IN EUROPA 14 lavoro e, prima ancora, dalle società di mutuo soccorso dove gli associati, per far fronte ad un rischio comune, si impegnavano a ripartire tra loro le conseguenze economiche di un eventuale evento dannoso. Il modello nasce coerentemente alla ideologia dello Stato liberale, dove l’intervento di questo era legittimo nelle situazioni di rischio connesse allo sfruttamento del lavoro che potevano portare turbamenti nell’ordine pubblico: esso infatti, lungi dal modificare le regole dell’utilizzazione della forza lavoro, operava solo in termini risarcitori nel caso in cui si fosse verificato l’evento dannoso. Il modello maturo delle assicurazioni sociali vede l’intervento dello Stato, che scalza l’intermediario assicuratore, sostituendosi ad esso tramite una gestione in prima persona del rapporto assicurativo del lavoratore contro gli eventi protetti. Lo scopo del modello in questione è quello di garantire al lavoratore che vede menomata la sua capacità lavorativa un reddito sostitutivo che permetta al soggetto di mantenere lo status sociale e il tenore di vita acquisiti. Soggetti protetti di questo sistema sono dunque solamente i lavoratori, attuali e, in determinati casi, potenziali. Il sistema non si preoccupa di garantire un livello minimo di reddito a tutti la popolazione, ma solamente a quella parte che contribuisce al benessere generale e, soprattutto al sistema stesso, tramite il lavoro: il sistema è infatti finanziato tramite i contributi dei soli lavoratori e dei datori di lavoro. Le prestazioni erogate da tale sistema sono proporzionali alla quantità di reddito perduto in seguito all’evento menomante. La fattispecie previdenziale è, in questo caso, complessa e a formazione progressiva: è necessaria cioè la presenza di più elementi, contribuzione e

Anteprima della Tesi di Emilio Rocchini

Anteprima della tesi: La previdenza complementare nei sistemi di sicurezza sociale europei, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emilio Rocchini Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.