Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lessicografia italiana e ungherese comparata: il linguaggio informatico-telematico. Classificazione tipologica di anglicismi e neologismi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA DI PRESTITI E CALCHI Il prestito si concretizza in presenza di bilinguismo, il calco invece implica una più approfondita conoscenza della lingua modello perché la sua buona competenza si propone come veicolo idoneo per la produzione dell’analisi del forestierismo, qualora si tratti di afferrare correttamente la struttura e l’articolazione dei semantemi, laddove per il significante si impieghi materiale linguistico indigeno da plasmare sul modello alloglotto. Nondimeno è trascurabile la potenziale ambiguità, relativamente alla referenza, che il calco cela insitamente alla sua natura linguistica, perlomeno in uno stadio antecedente all’istituzionalizzazione del termine calcato che può subire un fraintendimento da parte del parlante che ne effettua il contatto cognitivo per la prima volta. Si veda l’ital. ala nell’accezione di ‘giocatore che si muove lungo le fasce laterali del campo’, calco sull’ingl. wing che possiede anche questo significato tecnico oltre a quello proprio (Gusmani 1987: 90-91). Di gran lunga meno ambiguo è invece il fenomeno del prestito poiché in esso vi è una maggiore univocità data dalla mimesi che è più aderente e pedissequa nella riproduzione del significato e del significante del modello, fino a spingersi a un grado di adeguamento alle strutture della lingua ricevente che può rivelarsi persino perentorio. L’insinuazione di un prestito o di un calco affonda le sue radici in motivazioni e incentivi che tracimano in direzione di entità che si sporgono anche al di fuori dello spaccato prettamente linguistico. In primis si staglia la ricettività della comunità linguistica in cui un’interferenza penetra.

Anteprima della Tesi di Arianna Bernardini

Anteprima della tesi: Lessicografia italiana e ungherese comparata: il linguaggio informatico-telematico. Classificazione tipologica di anglicismi e neologismi, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Arianna Bernardini Contatta »

Composta da 338 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4025 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.