Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mobbing

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Il fenomeno si ha, ad esempio, soprattutto quando non potendo l’azienda licenziare direttamente il lavoratore da lei non desiderato, lo conduce all’esasperazione al fine di costringerlo a dimettersi. Problemi di riduzione, ringiovanimento, razionalizzazione del personale sono, ormai, all’ordine del giorno nella gestione dell’impresa. Si parla quindi di bossing, quando i dirigenti dell’azienda compiono atti vessatori con lo scopo preciso di indurre il dipendente divenuto scomodo a dimissioni anticipate e personali al riparo, il più delle volte, da qualsiasi problema di tipo sindacale. L’azienda dunque, attraverso i mobber, cerca di creare attorno alla persona da “eliminare” un clima di tensione insopportabile: atteggiamenti severi, minacce, rimproveri, a volte anche sabotaggi venuti dall’alto difficilmente dimostrabili. Tutti questi atteggiamenti sono volti ad una vera e propria ricerca finalizzata a colpire i dipendenti o il singolo dipendente. I mobber quindi, il più delle volte, si configurano come la stessa azienda.

Anteprima della Tesi di Marco Francesco D'Alò

Anteprima della tesi: Il mobbing, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Francesco D'Alò Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15384 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.