Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il divieto internazionale di tratta degli esseri umani

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

SEZ.1 LE CONVENZIONI Paragrafo 1 – Le norme universali L’interesse della comunità internazionale per il fenomeno della tratta di persone fonda le proprie radici in epoche remote. Le prime convenzioni internazionali che si occupavano in maniera diretta del problema furono elaborate agli inizi del Novecento. Esse avevano come scopo la repressione di quella che veniva definita “la tratta delle bianche”, un fenomeno su vasta scala che alimentava, in quegli anni, il mercato della prostituzione. Si trattava dunque di strumenti dedicati ad una specifica forma di tratta di esseri umani che interessava, al tempo, quasi esclusivamente donne e bambine. La prima conferenza internazionale per la prevenzione della tratta delle donne si tenne a Parigi nel 1895, essa fu seguita da altre due conferenze relative al problema della prostituzione, tenutesi rispettivamente a Londra e Budapest. Il frutto delle discussioni maturate nel corso di tali conferenze fu la firma, a Parigi, il 18 maggio 1904, dell’”Accordo internazionale per assicurare una protezione efficace contro il traffico criminale conosciuto sotto il nome di tratta delle bianche” 3 . Tale Convenzione, entrata in vigore il 18 luglio 1905, non forniva una definizione di tratta. Essa limitava il proprio ambito d’applicazione al reclutamento di donne e fanciulle eseguito per scopi immorali all’estero 4 . Il preambolo distingueva la tratta di minorenni, la quale rientrava nell’ambito d’applicazione dell’Accordo a prescindere dall’eventuale consenso prestato dalla fanciulla, dalla tratta di maggiorenni, configurabile soltanto se realizzata mediante coercizione o abuso. L’accordo del 1904 non obbligava gli Stati parti a punire gli autori della tratta, ma si limitava a prevedere alcuni obblighi di informazione reciproca al fine di potenziare e coordinare gli sforzi intrapresi da ciascuno Stato per la repressione del fenomeno. Così, era prevista l’istituzione, nei paesi contraenti, di un’autorità centrale incaricata di gestire tutte le informazioni 3 “International Agreement for the Suppression of the White Slave Traffic”, in League of Nations, Treaty Series, vol. 1, p. 83. L’Accordo è stato ratificato dall’Italia il 18 gennaio 1905, l’ordine d’esecuzione era stato dato con il R.D. n° 171 del 9 aprile 1905. 4 Cfr. art. 1.

Anteprima della Tesi di Alessandra Annoni

Anteprima della tesi: Il divieto internazionale di tratta degli esseri umani, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandra Annoni Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4203 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.