Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo – Le Aree Valutarie Ottimali nella letteratura recente. - 1.3 Le diverse filosofie riguardanti le Aree Valutarie Ottimali Helpman e Lucas furono tra i primi a sviluppare teoremi di benessere ed equivalenza in conseguenza di regimi alternativi del tasso di cambio in ambienti dove i mercati dei capitali sono saturi e la moneta è neutrale. Tali contributi, se da un lato forniscono un utile riferimento teorico, da un altro in base alle loro implicazioni secondo cui la scelta di un regime di tasso di cambio non esercita alcuna influenza sullo stato sociale, sono poco attuabili nel mondo reale dove regna una sorta d’instabilità cronica. Invece la successiva produzione letteraria può essere classificata a seconda dei contrasti che hanno reso interessanti le diverse dispute sui tassi di cambio. Prezzi e rigidità salariali sono il cuore dei contributi di Bayoumi, Ricci, Beine e Docquier i quali proposero modelli di equilibrio generale che formalizzavano le intuizioni innovative sulle aree valutarie ottimali ad opera di Mundell, McKinnon e Kenen. Un altro gruppo di autori, includendo Helpman e Razin focalizzano invece la loro attenzione sulle implicazioni che scaturiscono dalla imperfezione dei mercati finanziari. Nel lavoro che mi accingo a disporre evidenzierò i punti salienti di tali due diversi approcci al problema considerato. 1.3.1 Le Aree Valutarie Ottimali in modelli di equilibrio generale con rigidità dei prezzi Bayoumi presenta un modello formale di area valutaria ottimale nel quale il mondo è composto da un numero diverso di regioni, ognuna specializzata nella produzione di un particolare bene. Oltre a ciò, i salari sono rigidi verso il basso in periodi di bassa domanda. Il modello, tuttavia, non lascia grande importanza alle attività finanziarie ed alle politiche governative ed inoltre dà la possibilità ad ogni regione di scegliere una valuta propria oppure di far parte di un’unione monetaria. Tale modello di equilibrio generale presenta una serie interessanti di risultati; la

Anteprima della Tesi di Michelangelo Greco

Anteprima della tesi: Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michelangelo Greco Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.