Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

nuovi equilibri tra aree economiche diverse. Nel periodo in cui Mundell propose le sue teorie ( principalmente negli anni ’60 ), egli sembrò essere una sorta di pioniere. Sin da allora egli ha tracciato un sentiero nella macroeconomia eppure qualcuno sembra essersi perso rispetto tale sentiero. Il motivo prevalente che ha portato alla consacrazione Mundell attiene alla sua “TEORIA DELLE AREE VALUTARIE OTTIMALI” dove egli spiega il perché una singola valuta potrebbe essere vitale in una regione economica dove vi è libera circolazione di lavoro e capitali tra le nazioni. In tale clima economico, i tassi di disoccupazione, nei paesi partecipanti, potrebbero eventualmente compensarsi in virtù dello spostamento dei lavoratori da aree ad alta disoccupazione a quelle dove il lavoro risulta essere più copioso. Il risultato di ciò creerebbe tutti i presupposti per realizzare una comune area valutaria con una politica monetaria unificata. Parlando alla stampa inglese, Mundell sottolineò l’importanza della moneta unica; egli disse: “ Per tempo io maturai la convinzione che l’Europa stava per avviarsi alla formazione di una moneta unica “. Attualmente ci troviamo in piena fase di transizione e la maggior parte delle banche, borse e compagnie finanziarie degli 11 paesi che hanno aderito all’euro sono impegnati in tale transizione anche se banconote e monete non saranno emesse prima del gennaio del 2002. L‘essenza di tale forma di liberalizzazione è contenuta in ciò che Mundell affermò prevedendo proprio nell‘Europa l’esempio ottimale della sua teoria delle aree valutarie. Tali teorie hanno trovato il consenso della maggior parte degli economisti ma, in attesa di riscontri pratici, ciò che Mundell sostenne per anni si sta realizzando. Stranamente, ancora in modo maggiore, Mundell crede che l‘intero pianeta sia un’area valutaria ottimale. Egli ha a lungo discusso riguardo un ritorno al sistema del Gold Standard come la migliore cosa da realizzare in funzione di una singola valuta mondiale, per cui non sembra totalmente utopistica la possibilità che dopo il dollaro e l’euro ci sia spazio per il mondor, unica moneta del globo. Come

Anteprima della Tesi di Michelangelo Greco

Anteprima della tesi: Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michelangelo Greco Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3128 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.