Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo – Le Aree Valutarie Ottimali nella letteratura recente. - considerando l’assenza di una flessibilità del tasso di cambio nominale, di una mobilità dei fattori di produzione (capitale e forza lavoro) e di una corretta politica fiscale, concentrazioni di disoccupazione sia regionale che nazionale sarebbero inevitabili. E’ questo il punto cruciale che poi ha permesso di mettere in moto quel meccanismo in base al quale si è giunti a considerare la coerenza economica di un’unione monetaria proprio in virtù della presenza di tali shock e della difficile soluzione di questi considerando la situazione economica europea nel suo insieme. 1.2 I pro e i contro della formazione di un’area valutaria ottimale Prima che io esponga alcune considerazioni riguardo l’opportunità di un paese di aderire ad un’area valutaria ottimale con l’obbligo, quindi, di vincolare il proprio tasso di cambio a quello relativo alla valuta unica che sarà poi utilizzata nell’ipotetica area valutaria, bisogna anche evidenziare qualche circostanza che potrebbe spingere un paese nel verso opposto rispetto a quello di vincolarsi ad una unione valutaria o ad una zona che utilizza un tasso di cambio fisso. Un paese può rinunciare ad entrare a far parte di un’unione monetaria: ™ perché il paese vuole un tasso d’inflazione diverso dal tasso d’inflazione della zona valutaria; ™ perché il paese vuole usare il tasso di cambio come uno strumento di politica occupazionale al fine di diminuire o aumentare i salari; ™ perché il paese vuole usare il tasso di cambio per catturare occupazione dagli altri paesi; ™ perché, nel caso di un paese di vaste dimensioni, questi non vuole che un paese rivale possa beneficiare dei vantaggi economici che scaturirebbero dall’area valutaria o anche perché teme che l’aggiunta di un’ulteriore

Anteprima della Tesi di Michelangelo Greco

Anteprima della tesi: Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michelangelo Greco Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.