Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le garanzie atipiche e il pegno rotativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La dottrina specialistica rifiutava poi, in quest'ottica, qualsiasi assimilazione tra consegna dei beni costituiti in pegno ed iscrizione dell'ipoteca, con la conseguenza che non si riconosceva alla consegna del bene la funzione di rendere pubblica l'esistenza del vincolo, ma quella di consentire la costituzione della garanzia 23 . Parte della dottrina ammettendo la necessità di un inequivoco trasferimento del possesso, affinché la consistenza del patrimonio del debitore fosse conoscibile ai terzi, affermava anche che dovessero ritenersi legittime forme di costituzione meno rigide, considerando tali ad es. la consegna delle chiavi al creditore o, più in generale, qualsiasi situazione in cui il debitore continuava ad avere una relazione apparente con i beni oggetto del pegno 24 . Il riconoscimento di tecniche di spossessamento attenuato apriva nuovi spiragli allo sviluppo delle garanzie reali, soprattutto di quelle costituite su merci che, per il loro volume o per particolari esigenze di conservazione, potevano essere con notevole disagio oggetto di consegna al creditore. Le conseguenze non si arrestavano certo qui, poiché appariva ai più una forma di più equo contemperamento degli interessi in gioco risultando facilitato l'accesso al credito per una più vasta categoria di imprese 25 . 23 in quest'ordine di idee, Chironi, Trattato dei privilegi, delle ipoteche e del pegno, I, Torino, 1917, pagg. 616 – 617 24 Vivante, Del contratto ed assicurazione. Del pegno. Dei magazzini generali, Torino, 1922, pagg. 517 – 518, secondo il quale il debitore è legittimato a svolgere l'attività necessaria per la conservazione dei beni nonché a procedere alla vendita degli stessi nel caso di pericolo di deterioramento 25 Così si esprime P.Piscitello, op. cit., pagg. 170 – 171 – 172

Anteprima della Tesi di Stefano Andrea De Paola

Anteprima della tesi: Le garanzie atipiche e il pegno rotativo, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Stefano Andrea De Paola Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6270 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.