Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alle origini della democrazia cosmopolitica: kant ed il problema della pace perpetua

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Cap. I – L’aspirazione alla pace: il progetto kantiano 9 2. “Per la pace perpetua”: contesto storico e genesi dell’opera La pace e la guerra rappresentano indiscutibilmente due temi centrali della riflessione filosofica, prima, e politologico-internazionalistica, poi; ma è dai primi decenni del Novecento che la prospettiva proposta da Kant nello scritto “Zum ewigen frieden” del 1795, quella di un possibile superamento del conflitto armato tra gli stati attraverso una istituzione di tipo sovranazionale, appare più che mai dotata di una illuminante attualità: inserendosi in una lunga scia di progetti di “pace perpetua”, da quello di Penn a quello dell’Abbè de Saint-Pierre, anch’esso risultò inefficace nel suo tempo, ma ha trovato parziale realizzazione negli organismi sopranazionali del nostro tempo. In Per la pace perpetua l’intento dell’autore è proprio quello di considerare la riflessione sulla pace quale tema costitutivo della filosofia politica, offrendo una soluzione che dopo aver assunto la guerra come dato non naturale delle relazioni interstatuali va nella direzione di produrre “una qualche forma di artificio in grado di dirimere le eventuali controversie tra gli stati” 14 . Il saggio kantiano sulla pace è dotata di un carattere particolare sotto vari aspetti: per avere come destinatario, nelle intenzioni del filosofo, un pubblico vasto, perché può essere considerata un vero e proprio atto politico, per l’ attualità rispetto al contesto storico in cui si inserisce, e, infine, per il modo diretto in cui si rivolge all’ampio pubblico. La dizione ‘progetto filosofico’, però, specifica non solo il desiderio di salvaguardarsi da una possibile censura prussiana, ma addirittura, attraverso l’aggettivo 14 Anna LORETONI – L’ordine tra gli Stati: pace e progresso nella prospettiva kantiana, in Giulio M. CHIODI, Giuliano MARINI, Roberto GATTI – La filosofia politica di Kant, Milano, Franco Angeli, 2001, p.60

Anteprima della Tesi di Sara Maccari

Anteprima della tesi: Alle origini della democrazia cosmopolitica: kant ed il problema della pace perpetua, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sara Maccari Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8133 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.