Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla scrittura alle immagini. Porte aperte: il romanzo di L. Sciascia e il film di G. Amelio.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 all'ultimo particolare. I luoghi, l'abbigliamento, l'arredamento, il clima, le azioni, sono tutti elementi fondamentali alla creazione della realtà verosimile a cui egli deve dar vita, tenendo conto del fatto che l'unico modo a lui concesso per esprimere gli stati d'animo, i caratteri ed i comportamenti è la minuziosa descrizione dei movimenti, della mimica e dei dialoghi. E' anche necessario, però, che lo sceneggiatore descriva solo ciò che è funzionale allo sviluppo diegetico, cioè ciò che serve allo sviluppo coerente della storia e che dia le giuste informazioni su di essa agli spettatori. Questo lavoro prevede una notevole quantità di sottrazioni ed addizioni, laddove queste operazioni servano a ridurre le parti del libro digressive ed eccessivamente descrittive per i tempi cinematografici, o ad ampliare quelle che, invece, necessitano nella resa filmica di maggiore esplicitezza ed articolazione narrativa 4 . Importantissimo è poi il ritmo della narrazione filmica, che se ricalcasse alla lettera quello del romanzo andrebbe incontro a un clamoroso insuccesso. In un suo scritto fondamentale del 1963 Jean Mitry 5 afferma che: "Il romanzo è un racconto che si organizza in mondo mentre il film è un mondo che si organizza in racconto". 6 Con ciò si vuol affermare che: "la differenza tra il romanzo ed il film consiste nel fatto che, nel romanzo, il tempo è dato dalle parole, mentre nel film è dato dai fatti, pertanto il tempo nel film è relativo allo spazio e al movimento. Se un regista vuole cambiare il tempo deve spostare lo spazio e il movimento, come è ben visibile nelle analessi fatte con il flashback.” 7 4 A. Canziani, Film e romanzo, in Letteratura e cinema: la trasposizione, op. cit. 5 Jean Mitry, Estètique et psicologie, Paris, Eds. Universitaries. 1963. 6 Citato in L. Miccichè, Cinema e letteratura. La ragione e lo sguardo, Cosenza: Lerici, 1979. 7 A. Canziani, Film e romanzo, in Letteratura e cinema: la trasposizione, op. cit.

Anteprima della Tesi di Clementina Savino

Anteprima della tesi: Dalla scrittura alle immagini. Porte aperte: il romanzo di L. Sciascia e il film di G. Amelio., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Clementina Savino Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7662 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.