Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla scrittura alle immagini. Porte aperte: il romanzo di L. Sciascia e il film di G. Amelio.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 ulteriore approfondimento merita la funzione del dialogo nei film, che è stata in passato spesso oggetto di discussione tra coloro che sostenevano il primato dell'immagine nella comunicazione filmica e coloro che sostenevano, invece, il primato del dialogo. Oggi possiamo affermare che non è necessario usare il dialogo solo quando è indispensabile, nella convinzione che "tutto ciò che l'immagine può mostrare la parola non deve dire." 9 E' stato ampiamente dimostrato, anche grazie ai film di un regista come Rohmer, che il dialogo è azione, movimento, emozione, se usato in modo naturale e semplice, aggiunto ai gesti, com'è nella vita. Del resto se è vero che la significazione nel film è data da un insieme sinergico di elementi (la recitazione, i movimenti di camera e degli attori, i giochi di sguardi, l'angolo di ripresa, i punti di vista ecc.), è anche vero che il dialogo non è l'ultimo di questi; esso infatti esprime sentimenti, impulsi e passioni proprio in rapporto con il gesto e il movimento. In tal senso risulta fondamentale la messa in scena della situazione oggetto di narrazione, in quanto da essa si genera il dialogo. Quest'ultimo può essere di vari tipi: espositivo, quando comunica allo spettatore i dati di una situazione e le cause che la hanno determinata; di carattere, quando è relativo prettamente ai personaggi, alla loro psicologia, ai loro sentimenti, pensieri, impulsi e retaggi; di comportamento, quando è relativo all'inserimento del personaggio nel contesto sociale; d'azione, quando produce azione, appunto, quindi provoca gli eventi come punto di rilascio e sfogo di un crescente accumulo di tensione drammatica. Al di là delle tipologie, comunque, la principale dote di un buon dialogo cinematografico è la naturalezza, la spontaneità che permette all'intera vicenda narrativa di acquisire verosimiglianza e credibilità. 9 Ibidem.

Anteprima della Tesi di Clementina Savino

Anteprima della tesi: Dalla scrittura alle immagini. Porte aperte: il romanzo di L. Sciascia e il film di G. Amelio., Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Clementina Savino Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7662 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.