Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli immigrati e il mercato del lavoro in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 2. Dinamica naturale. La fase ad elevato incremento naturale 6 registratasi a cavallo dei due secoli, è legata al diverso ritmo con cui si è manifestata la diminuzione della natalità e della mortalità. La natalità 7 infatti, che nel 1881-90 era ancora sui livelli del 1861-70 (37,8 per mille contro 37,6 per mille) è stata caratterizzata da una tendenza alla diminuzione molto graduale, mentre più rapida e consistente è ri- sultata la riduzione della mortalità: nel corso di un secolo, tra il 1861-70 e il 1961-70, la natalità si è ridotta a poco meno della metà (da 37,6 per mille a 18,0 per mille), la mortalità a poco me- no di un terzo (da 30,3 per mille a 9,6 per mille). Ciò dipende dal fatto che, mentre la riduzione della natalità è legata alla diffusione di una mentalità favorevole al controllo della procreazione da par- te delle coppie, diffusione che di norma si realizza in tempi lunghi in quanto comporta il modificarsi di modelli di comportamento cui la popolazione è saldamente ancorata, i fattori che determina- 6 Si definisce “movimento naturale” della popolazione la differenza tra il numero dei nati (N) e il numero dei morti (M) in un determinato arco di tempo (generalmente un anno ) in rapporto alla popolazione presente (P) a metà del periodo considerato. Il movimento naturale può assumere valore positivo, per il prevalere del numero dei nati vivi su quello dei morti (incremento) o, viceversa, valore negativo (decremento). Il tasso di incremento naturale è espresso dalla formula: (N-M) / P x 1000. 7 Il “tasso generico di natalità” (o di “mortalità”) è la misura statistica del numero dei nati vivi (N) o dei morti (M) in un determinato intervallo di tempo, in rapprto alla rispettiva popolazione (P), riferita a metà dell’intervallo di tempo considerato. Pertanto i tassi generici di natalità e di mortalità sono espressi dalla seguente formula: N/P x 1000 e M/P x 1000.

Anteprima della Tesi di Monica Silvina Potenziani

Anteprima della tesi: Gli immigrati e il mercato del lavoro in Italia, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Monica Silvina Potenziani Contatta »

Composta da 272 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16726 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.