Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Invecchiamento della popolazione, stato sociale e assistenza agli anziani

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

sarà quello dell’intervallo da 15 a 54 anni 1 , mentre l’incidenza degli altri da 55 a 65 anni subirà al 2050 un leggero aumento rispetto al 2000, seppure in calo rispetto al picco del 2020. Il peso dei giovani in condizione di dipendenza sugli attivi, che attualmente è di circa il 32%, tenderà ad attestarsi sul 30%. Tab. 1.3 - Italia: ipotesi di base per differenti scenari demografici ONU 1998 Eurostat 2000 Istat 2000 Tasso di fertilità 2000 1.20 1.22 1.26 2020 1.40 1.43 1.41 2050 1.70 1.50 1.42 Speranza di vita alla nascita (anni) M 2000 75.0 75.5 76.2 2050 79.8 81.0 81.4 F 2000 81.2 82.0 82.6 2050 85.5 86.0 88.1 Immigrazione (000) 2000 70 50 111 2020 5 80 117 2050 0 80 124 Rapporto di dipendenza anziani (%) 2000 26.9 26.6 26.6 2020 37.4 36.7 37.3 2050 65.7 61.3 63.5 Popolazione (milioni) 2000 57.3 57.6 57.7 2020 52.9 56.0 58.0 2050 41.2 48.1 52.2 Fonti: dati ed elaborazioni su dati United Nations (1999), EPC (2001), Istat (2002: [email protected]) L’indice di dipendenza degli anziani passerà dal 26.6 al 63.5%, con un incremento del 138%: L’indice di dipendenza totale (quello dei giovani più quello degli anziani) che offre elementi utili a valutare il costo e la domanda potenziale di welfare state nel futuro, passerà dal 61% attuale a più del 100%: cioè nel 2050, per ogni persona in età di lavoro ve ne sarà un’altra non attiva alla quale andranno trasferite, attraverso il sistema redistributivo di sicurezza sociale, risorse prodotte dalla prima. L’indice di vecchiaia (anziani/giovani, entrambi non in età di lavoro) aumenterà del 142% e per ogni giovane vi saranno più di due anziani. (RGS) 1 Negli studi più recenti dell’OCSE (cfr. Turner et al. 1998, Visco 2001a e 2001b) è considerata in età di lavoro la fascia di popolazione di età tra i 20 e i 64 anni, in considerazione degli standard formativi e di istruzione oggi prevalenti nei paesi industriali per i giovani che si affacciano sul mercato del lavoro.

Anteprima della Tesi di Carlo Di Marzio

Anteprima della tesi: Invecchiamento della popolazione, stato sociale e assistenza agli anziani, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Carlo Di Marzio Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19959 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.