Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Visual arts. Dall'idea ai finanziamenti pubblici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

preferenze individuali, laddove saranno i consumatori, attraverso le istituzioni del mercato, a riconoscere ad un oggetto qualsiasi le qualità di Opera d’Arte. “La domanda “Che cosa è l’arte” trova una risposta in ciò che la gente vuole. (…) Se una “elite culturale illuminata” fosse depositaria di una definizione di arte violeremmo l’assunzione fondamentale sull’importanza delle preferenze individuali”. 7 Sebbene il pubblico sia “Un esaminatore, ma un esaminatore distratto” 8 , e pertanto nelle sue scelte dovrà essere guidato dalle valutazioni di tutti quei soggetti che saranno riconosciuti come “Esperti del Settore”, non potrà che essere quest’ultimo il naturale depositario di una definizione del mercato dell’arte, definizione che sostanzierà attraverso la rivelazione delle proprie preferenze, sia attraverso atti di acquisto che attraverso atteggiamenti favorevoli nei confronti di questa o di quella opera d’arte. Qualsiasi altra definizione che non si lasciasse determinare dalle preferenze degli individui finirebbe con il farsene interprete, e farsi interprete delle preferenze altrui è tipico dei regimi totalitari 9 . Attraverso questa via l’arte si autodefinisce, e, così, l’unica definizione possibile risulta essere quella per cui “L’arte è tutto ciò che si definisce tale 10 ”. 7 Frey e Pommerehene: (1989), Muses and Markets, Explorations in the economics of the arts, Basil Blackwell, Oxford. Trad. It. “Muse e Mercati”, Il Mulino, Bo, 1991. 8 Così Benjamin definiva gli spettatori degli spettacoli cinematografici. Benjamin 2000, p.46. 9 Benjamin, nel valutare la dialettica tra fascismo e comunismo, sostiene che quest’ultimo, in risposta alla estetizzazione della politica tipica del primo, risponde con la politicizzazione dell’arte. 10 Così anche B. Frey in; Art: The Economic Point of View, Kluwer Academic 1994

Anteprima della Tesi di Mauro Juvara

Anteprima della tesi: Visual arts. Dall'idea ai finanziamenti pubblici, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mauro Juvara Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2171 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.