Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'opera narrativa di Catherine Breillat

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione PARTE QUARTA. CAPITOLO 1. IL CASO CINEMATOGRAFICO DI ROMANCE. 1.1 Caratteri generali dell’opera. 1.1.1 Presentazione del film. Romance è il film sceneggiato e diretto da Catherine Breillat nel 1999 che le ha permesso di varcare i confini del cinema francese e farsi conoscere dalla critica internazionale; preceduto da una campagna pubblicitaria che lo dipinge come “il primo porno d’autore” a causa di alcune scene in cui i rapporti sessuali tra due attori non sono simulati, si è subito preannunciato come una sorta di sfida destinata a far discutere e scandalizzare, ad essere acclamata o rifiutata dal pubblico. Presentato alla “Quinzaine des Réalisateurs”, la sezione più innovativa del Festival di Cannes, e apparso come film d’apertura all’Edinburgh Film Festival, Romance ha infiammato le platee di giornalisti ed esperti che assistevano alla proiezione, provocando una netta divisione tra coloro che accusavano la regista di essersi spinta oltre i limiti della decenza pur di far parlare di sé e coloro che giudicavano con entusiasmo il coraggio mostrato nell’infrangere l’ultimo tabù del cinema, quello della finzione nelle scene erotiche. 1.1.4 L’intreccio. La struttura del film è di per sé piuttosto semplice, visto che la vicenda viene narrata in prima persona dalla protagonista, una maestra elementare ventitreenne di nome Marie, attraverso la sua voce fuori campo che scandisce i momenti cruciali e prepara gli eventi a cui lo spettatore assisterà nelle scene successive; considerato fondamentale dalla regista, che sostiene anche che “la voix-off a été enregistrée uniquement sous le coup de l’émotion des scènes” 18 , tale espediente risulta utile per esternare le emozioni più segrete della protagonista senza doverle inserire nei dialoghi con gli altri personaggi. Per quanto riguarda l’organizzazione della storia, prevale sempre una certa linearità, in quanto la regista segue cronologicamente Marie in una serie di relazioni carnali più o meno importanti, ognuna delle quali caratterizzata dalla presenza di un personaggio maschile diverso. Il racconto parte dall’osservazione della coppia formata dalla protagonista e dal suo convivente Paul, un modello pubblicitario 18 T. JOUSSE, S.TOUBIANA, Le ravissement de Marie. Dialogue entre Catherine Breillat et Claire Denis, “Cahiers du Cinéma”, n°534, 1999, p.44

Anteprima della Tesi di Elisa Debbi

Anteprima della tesi: L'opera narrativa di Catherine Breillat, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Elisa Debbi Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3228 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.