Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'opera narrativa di Catherine Breillat

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Ritornata a casa, la donna deve affrontare l’ira di Paul che, avendo intuito il tradimento subito, decide di dimostrare la propria virilità possedendo Marie, anche se la gelosia non cancella la sua incapacità di gioire della comunione dei loro corpi; in un amplesso da cui traspare la reciproca indifferenza e una mancanza di passione che uccide in modo definitivo il loro legame, Marie rimane incinta “sans aucune jouissance, même de sa part” (R. p.64). Da questa scena, comincia a delinearsi un finale abbastanza rapido in cui Marie, ormai distrutta da una relazione che nega l’esistenza della coppia, lascia di nascosto e in piena notte la propria casa, non prima di aver attuato un’atroce vendetta sull’uomo che l’ha costretta a diventare prima una “prostituta” e poi una madre: apre, infatti, i condotti del gas per far esplodere l’appartamento e uccidere il compagno. In seguito, lo spettatore assiste contemporaneamente alla nascita del bambino di Marie e all’incidente domestico di cui Paul rimane vittima e grazie al quale la donna conquista la libertà di iniziare una nuova vita, stringendo fra le braccia la sua innocente creatura. 1.1.5 La scelta degli attori. Visto che l’intera vicenda narrata in Romance ruota intorno al personaggio di Marie e alla sua disperata quanto perentoria ricerca della soddisfazione sessuale, la regista ha ritenuto fondamentale, per la credibilità del film, la scelta di un’attrice la cui espressività e il linguaggio del corpo si adattassero al ruolo interpretato. Anche se la sceneggiatura originale prevedeva che la protagonista dovesse avere tra i ventidue e i trent’anni, attraverso una lunga serie di provini la Breillat si è resa conto che una donna matura avrebbe tolto l’innocenza e l’ingenuità tipiche dell’adolescenza su cui avrebbe voluto sviluppare il personaggio 20 ; in questo modo, la scelta è caduta sulla ventiduenne Caroline Ducey, in grado di trasmettere un certo “angélisme” 21 e abbastanza coraggiosa da accettare di girare esplicite scene di sesso senza censura dopo aver ricevuto, da parte della regista, la certezza che il film non sarebbe stato classificato come 20 Cfr. L. BARISONE, B. FORNARA, A. SIGNORELLI, op. cit., p. 61. “Secondo la sceneggiatura lei deve avere tra i ventidue e i trent’anni ed essere una maestra. Poi però sto rendendomi conto di avere delle idee più precise. Ad esempio, ieri, durante il casting, ne ho vista una che è magnifica, ma ha ventisei anni, e per me è troppo vecchia. Non è veramente questione d’età; però occorre che lei abbia qualcosa dell’infanzia sul viso.” 21 T. TOUSSE, S. TOUBIANA, op. cit., p. 44.

Anteprima della Tesi di Elisa Debbi

Anteprima della tesi: L'opera narrativa di Catherine Breillat, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Elisa Debbi Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3228 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.