Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 I I NTRODUZI I ONE Nell’introdurre questo lavoro è bene tenere presenti quali sono i percorsi riflessivi, quali sono le domande, le questioni fondamentali che sono alla sua base. E’ inoltre estremamente utile dichiarare da subito i limiti e le parzialità dell’approccio di questo studio, affinché non solo si dia modo di esprimere una certa onestà intellettuale, ma anche si metta in risalto che sono limiti necessari al punto di vista di chi scrive in quanto esprimono, facendone parte, proprio quella filosofia del limite – limite ultimo del pensiero, limite ultimo della parola, limite ultimo della vita, limite ultimo della morale – che sarà oggetto delle pagine che seguiranno e che inevitabilmente si arricchisce di valenze ermeneutiche personali. E’ impossibile e dannoso, per una giusta comprensione di tutti gli aspetti, disgiungere quelle che si possono definire le due situazioni di partenza di questa come di qualsiasi altra ricerca. Da una parte il contenuto che nasce da una domanda veicolante il bisogno stesso di un cammino che verifichi le linee d’ombra del pensiero e della pensabilità: fin dove è possibile penetrare, fin dove l’interpretazione può dirsi soddisfacente e può dire di aver raggiunto una soluzione o invece debba, ed è questa la posizione che qui è adottata, enunciare il proprio essere costitutivamente “aperta” e quindi una non-soluzione. Dall’altra parte il discorso sulla composizione implicante consapevolezza critica e metodologica, dove è sottintesa la necessità di non forzare i testi al fine dell’assoluta dimostrabilità del proprio costrutto teorico. A ciò si aggiunga che questo stretto legame tra il carattere di non esaustività della interpretazione e quello di non totale penetrabilità dell’oggetto di studio finisce con il caratterizzare lo scritto per il suo, apparente, proseguire a vuoto. Ma veniamo all’argomento

Anteprima della Tesi di Antonio Spinelli

Anteprima della tesi: L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Spinelli Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7065 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.