Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 cosmologico. 32 Al culmine del nichilismo, nell’eterno ritorno dell’uguale, si annuncia il suo stesso compimento e il suo superamento. L’eterno ritorno si mostra nel suo essere fondamentalmente affermativo e selettivo. E’ il dire di si alla vita, l’essere fedeli alla terra. Alla luce di quanto detto il nichilismo nietzschiano può mostrarsi, chiarendosi, nel suo duplice volto di nichilismo attivo e passivo: attivo è il nichilismo che smaschera i valori della tradizione, che fa erompere le energie compresse in una trasvalutazione di tutti i valori, opponendosi così al nichilismo passivo che appartiene alla storia della metafisica che vota l’esistente al suo nulla: “I Il nichilismo come stato NORMALE. Nichilismo: manca il fine; manca la risposta al ‘perché’; che cosa significa nichilismo? – che i valori supremi si svalorizzano. Esso è AMBIGUO: A) Nichilismo come segno della cresciuta potenza dello spirito: come NICHILISMO ATTIVO. Può essere un segno di forza: l’energia dello spirito può essere cresciuta tanto, che i fini sinora perseguiti (“convinzioni, articoli di fede”) le riescano inadeguati. (…) B) Nichilismo come declino e regresso della potenza dello spirito: il NICHILISMO PASSIVO: come segno di debolezza: l’energia dello spirito può essere stanca, esaurita, in modo che i fini sinora perseguiti sono inadeguati e non trovano più credito; la sintesi dei valori e dei fini (su cui riposa ogni forte cultura) si scioglie, in modo che i singoli valori si fanno la guerra: disgregamento; tutto ciò che ristora, guarisce, tranquillizza, stordisce, sarà in primo piano, sotto diversi travestimenti, religiosi o morali o politici o estetici, ecc.” 33 32 cfr. Vattimo, Gianni, Introduzione a Nietzsche, op. cit., pagg. 85-88 33 Nietzsche, F. W., Opere, Vol. VIII, tomo II, Frammenti Postumi 1887-1888, 9 (35), op. cit., pagg. 12-13

Anteprima della Tesi di Antonio Spinelli

Anteprima della tesi: L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij, Pagina 16

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Spinelli Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7061 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.