Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 del nostro studio. Questa tesi focalizzerà l’attenzione su alcuni scrittori e filosofi che hanno svolto la propria attività tra la seconda metà del secolo XIX e la prima metà del XX: Dostoevskij-Nietzsche- Camus. La linea che attraverserà e unirà l’analisi dei testi degli autori menzionati e dei testi critici intende seguire il solco formato da una domanda: un solco di cui non si è visto e non si vede il termine e che non finirà di essere tracciato; una domanda, a sua volta, che non trova una formulazione definitiva, ma che rimanda ad un complesso insieme di problematiche e che è il cardine della porta che il pensiero contemporaneo ha tentato di far diventare passaggio, ma che forse ha raggiunto solo la soglia, la “linea”. La storia è dunque quella del nichilismo, tracciata dai grandi personaggi dostoevskijani, dal pensiero di Friedrich W. Nietzsche e di Martin Heidegger, dalla filosofia vivente di Albert Camus. Tuttavia se questo studio intende seguire la nascita e l’evoluzione di questa tematica, è ad un’altra problematica, strettamente connessa alla prima, che intende guardare più da vicino: quella delle possibilità che si aprono “oltre” la porta del nichilismo. Il fulcro della questione si sposta così dal pensare e pensare a fondo il nichilismo e la sua storia, al vivere la nostra esistenza come questo pensiero, o meglio al tentativo di capirne le implicazioni nella nostra quotidianità. Per far ciò non bisogna distogliere lo sguardo dalla voragine apertasi nelle nostre vite, che oscillano tra il “furore” della domanda e l’angoscia della risposta. E’ evidente, a questo punto, che il percorso non finisce su quell’orlo, “sulla linea” infinita che confonde orizzonti e imbrunisce la nostra razionalità. Quest'atteggiamento è la paralisi. Non basta prenderne atto come fosse un reperto, di cui sapere gli estremi per poi archiviarlo. Non basta ridurre i termini del problema a schemi prefissati, rimandarli a questioni affini,

Anteprima della Tesi di Antonio Spinelli

Anteprima della tesi: L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Spinelli Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7065 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.