Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi degli aspetti tecnici e comunicativi dello spamming sulla base di informazione documentaria e di test effettuati in rete

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2. Definizione 8 precedenti e, come evoluzione, possiamo considerarne l’uso fatto dall’Open Directory Project. Qui lo spam è definito così: «Lo spam capita se pagine identiche vengono presentate alla stessa categoria più volte, se un sito è presentato alla stessa categoria più volte, se un sito è presentato a diverse categorie inappropriate o se la presentazione viola in altro modo le nostre Policy di Presentazione o danneggia l’ODP (Open Directory Project). »8 In Internet si trovano una quantità incredibile di definizioni. Eccone alcuni esempi. Julian Haight, di SpamCop9 definisce lo spam così: «Per me lo spam dev’essere: 1. non sollecitato (non l’ho richiesto), e 2. automatico (lo stesso e-mail è stato spedito a migliaia di persone in una sola volta.»10 Yahoo Italia, nelle pagine di supporto on-line, propone questa definizione: «Lo spam è qualsiasi messaggio o annuncio che, a prescindere dal contenuto, viene inviato a più utenti che non hanno specificatamente richiesto tale email. Può anche essere rappresentato da annunci multipli dello stesso messaggio inviati a Newsgroup o server di discussione e che non sono relativi al tema in oggetto. Altri termini comuni per lo spam presenti su Internet sono UCE (Unsolicited Commercial Email) e UBE (Unsolicited Bulk Email) e corrispondono alla stessa definizione di spam. Gli individui che inviano spam sono generalmente persone che hanno acquistato o raccolto liste di indirizzi e-mail. Quindi, procedono all'invio di messaggi da diversi indirizzi verso ogni area del Web.»11 Fighters4web12, che riporta in italiano i testi del sito anti-spam spam.abuse.net, dopo aver definito la natura dello spamming ponendo l’accento sulla molteplicità delle copie e sulla natura 8 Open Directory Project, Open Directory Editorial Guidelines: spamming, http://dmoz.org/guidelines/spamming.html (consultato il 17 luglio 2002). Versione originale nell’allegato 12.1. 9 Si veda il capitolo 7.2.6. 10 Julian Haight, On what type of email should I (not) use SpamCop? , http://spamcop.net/fom-serve/cache/14.html (consultato il 6 agosto 2002). Versione originale nell’allegato 12.1. 11 Yahoo Help, Che cos'è lo spam?, http://help.yahoo.com/help/it/mail/spam/spam-02.html (consultato l’8 agosto 2002).

Anteprima della Tesi di Marco Fare

Anteprima della tesi: Analisi degli aspetti tecnici e comunicativi dello spamming sulla base di informazione documentaria e di test effettuati in rete, Pagina 8

Tesi di Laurea

Autore: Marco Fare Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 523 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.