Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'esperienza nuda. Spazio, tempo e colore nella riflessione di A. Huxley

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

raffigura un mondo devastato dalla guerra nucleare, popolato da una comunità di superstiti ridotti a uno stato di follia e bestialità. L’opera che riassume definitivamente le opinioni huxleyane intor- no alla religione e alla sua importanza per l’umanità e The Peren- nial Philosophy, pubblicato nel 1945: si tratta di una raccolta di saggi che comprende un’antologia delle opere religiose (dai testi sacri agli scritti dei mistici) di ogni cultura in ogni tempo. L’estrema produzione letteraria e saggistica di Huxley si con- figura come una riflessione a tutto campo sul destino dell’umanità, sui problemi di politica internazionale, sulla sovrappopolazione, sull’ecologia. Da un lato, ciò ha l’effetto di accrescere l’interesse del pub- blico nei confronti delle sue opere, cosicché Huxley tiene, fino all’anno della morte, centinaia di conferenze per diversi enti cultu- rali 23 , e pubblica articoli e interventi su svariate testate. D’altro canto, tuttavia, la sua curiosità instancabile, nonché la spregiudicatezza che lo fa avvicinare alle più diverse esperienze con piglio genuinamente sperimentale, ignorando i dettami dell’opinione comune per basarsi sui fatti, lo rendono, sotto certi aspetti, una figura isolata e ignorata dal grande pubblico, ma esal- tata e salutata come ‘maestro spirituale’ dalla cerchia dei rivolu- zionari e dei contestatori. È il caso dei due saggi huxleyani sulla droga, The Doors of Perception (1954) e Heaven and Hell (1956) 24 , di cui ci occuperemo in questo lavoro: essi sono stati in- sistentemente ignorati dalla critica ufficiale - che vede in essi o un incidente di percorso dello scrittore, o, in alternativa, una confer- ma della sua eccentricità - ma devono una notevole fama ai divul- gatori della cosiddetta ‘rivoluzione psichedelica’, che, come ab- 23 Ricordiamo, in particolare, la conferenza sulla fame nel mondo, tenuta a Roma nel 1963 su invito della FAO. 24 Ed. it.: Le Porte della Percezione. Paradiso e Inferno, trad. di L. Sautto, postfazione e bibliografia di G. e R. Boeri, Milano, Mondadori 1986 2 .

Anteprima della Tesi di Lorenzo Scaglietti

Anteprima della tesi: L'esperienza nuda. Spazio, tempo e colore nella riflessione di A. Huxley, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Lorenzo Scaglietti Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4603 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.