Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'esperienza nuda. Spazio, tempo e colore nella riflessione di A. Huxley

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

tualistiche, non si può non prendere atto della sconcertante indipendenza di pensiero con la quale Huxley porta avanti le pro- prie riflessioni sul rapporto tra esperienza visionaria indotta e spontanea. L’atteggiamento di Huxley è confortato dal suo fare esperienza diretta dei termini del problema, affrontando dall’interno questioni sulle quali, in alternativa, non si può che speculare. Lo scopo di tale operazione, che Huxley non dichiara espressamente, si può, forse, ricondurre alla semplice curiosità — tratto caratteriale che, come abbiamo visto, in Huxley è assai forte. Ma la stessa personalità dell’autore dovrebbe spingerci a indivi- duare, nei suoi intenti, “l’esigenza di acquisire alla cultura l’orizzonte più vasto che si apre oltrepassando [le consuete soglie della percezione sensibile] e la preoccupazione morale per le con- seguenze che ne derivano” 27 . In questo nostro lavoro, suddiviso in tre capitoli, tenteremo una lettura analitica di The Doors of Perception e Heaven and Hell, ricostruendo, da un lato, l’ambiente culturale in cui sono ma- turate le esperienze di Huxley e di altri letterati e psichiatri sul te- ma della droga, e dall’altro i principali punti di riferimento filoso- fici che sottendono le argomentazioni huxleyane (e che l’autore non sempre rivela). Così, nel primo capitolo, ci occuperemo, in una prospettiva storica, delle due principali categorie di studiosi che hanno assun- to droghe, negli ultimi due secoli, allo scopo di interpretarne gli effetti: seguiremo così il percorso della riflessione letteraria (in cui Huxley rientra, peraltro, solo indirettamente), e, in parallelo, il percorso della teorizzazione psichiatrica intorno al rapporto tra droga e follia. Evidenzieremo inoltre, lungo il nostro tracciato così definito, quelli che possono essere considerati i punti di contatto tra gli studiosi dei due campi, mostrando in che misura simili con- vergenze d’interessi debbano considerarsi degne di nota. In segui- to, nel secondo capitolo, proveremo a chiarire il significato delle 27 E. MELANDRI, op. cit., p. 96.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Scaglietti

Anteprima della tesi: L'esperienza nuda. Spazio, tempo e colore nella riflessione di A. Huxley, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Lorenzo Scaglietti Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4603 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.