Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La guerra italiana nei documentari del Luce 1940-1943

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

discorsive che ha fornito alla semiopragmatica l’occasione di alcune fra le più stimolanti indagini teoriche degli ultimi anni (livello pragmatico)» Al livello diegetico, Metz, noto semiologo, osserva che i film non narrativi si distinguono dai veri film più per intenzionalità sociale e contenuto che non per i loro procedimenti di linguaggio e che le grandi figure fondamentali della semiologia del cinema ( montaggio, movimenti di macchina, scala dei piani, sequenza, ecc.) conservano la loro identità nel cinema di non finzione. Sembra che sul linguaggio dei segni la dicotomia fiction – non fiction sia basata su elementi non determinanti e i criteri di differenziazione ( presenza del racconto, discriminante dell’attore, ecc.) non sono risolutivi. « Piuttosto che nell’opposizione fiction / non fiction, le marche differenzianti del documentario andranno ricercate sul terreno del rapporto con la realtà e nei relativi modi di codificazione linguistica» 3 . A livello linguistico si indaga sul rapporto fra cinema e realtà. Questo rapporto obbliga a addentrarsi nel delicato dibattito filosofico fra Reale/Immaginario, Realtà/Rappresentazione, Vero/Falso. Queste problematiche tendono a confluire sulla posizione di chi fa il film e su quanto sia possibile tendere, con la macchina del cinema, a far coincidere il reale con la visione del reale che è il prodotto dell’operazione cinematografica. E’ un dato di fatto che queste due realtà non sono sovrapponibili, ma si può investigare su come l’autore ci restituisca la sua visione di reale presa in considerazione. E’ proprio nel documentario che si riscontra la tendenza più accentuata verso la coincidenza fra Realtà e sua Rappresentazione, almeno nelle intenzioni di chi fa il documentario e che qui, parafrasando l’istanza 3 Ivi, pag. 11

Anteprima della Tesi di Luigi Passarelli

Anteprima della tesi: La guerra italiana nei documentari del Luce 1940-1943, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luigi Passarelli Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3940 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.