Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili evolutivi della valutazione e della rappresentazione dei crediti nei conti e nel bilancio delle banche. Aspetti normativi, regolamentazione di Basilea e principi contabili internazionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

A) IL RISCHIO DI CREDITO E LA PERDITA ATTESA Pur d’accordo con Ruozi, il quale afferma che “il rischio di un prestito è concetto notevolmente ampio e diversificato 9 ”, non ci si può tuttavia accontentare di definizioni eccessivamente ampie, che forniscono scarse indicazioni operative, come quelle che inquadrano il rischio di credito come la “probabilità che l’operazione di prestito non dia alcun contributo positivo alla redditività dell’azienda, o finisca con l’incidere sfavorevolmente sui risultati di esercizio 10 ”; d’altro canto non paiono adeguati neppure gli approcci che definiscono il rischio creditizio come mero rischio di insolvenza, legato cioè alla probabilità che una o più controparti della banca non siano in grado di ripagare, in tutto o in parte, le somme ricevute a titolo di prestito. Partendo dal presupposto che il manifestarsi di un certo numero di eventi di insolvenza all’interno del portafoglio della banca è un fenomeno che entro certi termini può ritenersi fisiologico ed inevitabile (si tornerà dopo sulla distinzione tra rischio diversificabile e rischio sistematico), si comprende come ciò che caratterizza l’esposizione al rischio di credito per una banca sia la possibilità che le perdite registrate si discostino da quelle effettivamente attese. Tale fenomeno è legato principalmente alle variazioni del merito creditizio delle controparti che l’istituto ha in portafoglio: pertanto il rischio non va limitato al solo fenomeno di insolvenza (rischio di insolvenza), ma anche al possibile peggioramento (o miglioramento) del merito creditizio che comporta un incremento (diminuzione) della probabilità di insolvenza della controparte stessa (rischio di migrazione). 9 RUOZI R., Sull’attendibilità dei bilanci e sulla loro validità a fini di previsione delle insolvenze, in Bancaria, n. 1, 1974, pag. 11. 10 Cfr. G. DELL’AMORE, Economia delle aziende di credito. I prestiti bancari, Giuffrè, Milano, 1951, pag. 409.

Anteprima della Tesi di Andrea Cappelli

Anteprima della tesi: Profili evolutivi della valutazione e della rappresentazione dei crediti nei conti e nel bilancio delle banche. Aspetti normativi, regolamentazione di Basilea e principi contabili internazionali, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Cappelli Contatta »

Composta da 315 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5049 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.