Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili evolutivi della valutazione e della rappresentazione dei crediti nei conti e nel bilancio delle banche. Aspetti normativi, regolamentazione di Basilea e principi contabili internazionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Inoltre, una valutazione parziale del profilo di rischio complessivo non può che produrre un’inefficace politica di gestione dello stesso. Il sistema bancario italiano continua a fare ricorso ad un sistema di limiti, basato su parametri: • “dimensionali”, per controllare l’esposizione complessiva detenuta nei confronti di una determinata controparte; • “temporali”, per valutare la durata massima delle esposizioni esistenti; • di “concentrazione”, per evitare una eccessiva esposizione verso un determinato settore o area geografica. Ma il problema, evidenziato da diversi autori, “consiste nel fatto che l’attività di sviluppo commerciale (origination) è vista come inscindibile dal processo di investimento e, quindi, il rischio di credito stesso viene gestito per mezzo del processo di origination e non per mezzo del processo di investimento 7 ”, con le conseguenze che quest’ultimo non può svolgere il compito che gli è proprio, vale a dire la composizione del portafoglio crediti al fine di raggiungere gli obiettivi di rischio-rendimento fissati e la banca si trasforma in un mero collettore di fondi, in balia del fenomeno noto come path dependency 8 e delle fasi cicliche dell’economia. La mancanza di un approccio di portafoglio reca con sé una scarsa attenzione al monitoraggio delle esposizioni detenute: non si tiene conto del cosiddetto mark to market delle esposizioni creditizie con l’effetto di sottovalutare il rischio complessivo; le banche individuano le difficoltà del cliente solo quando esse diventano palesi ed emergono sotto forma di elenchi di conclamate patologie dalla gestione corrente del rapporto, 7 In proposito si veda, per tutti, CAPUTO NASSETTI F., FABBRI A., Trattato sui contratti derivati di credito, EGEA, Milano, 2001. 8 Con questo termine, si intende il fenomeno per cui le valutazioni creditizie sono espresse prevalentemente sulla base delle decisioni prese nel passato.

Anteprima della Tesi di Andrea Cappelli

Anteprima della tesi: Profili evolutivi della valutazione e della rappresentazione dei crediti nei conti e nel bilancio delle banche. Aspetti normativi, regolamentazione di Basilea e principi contabili internazionali, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Cappelli Contatta »

Composta da 315 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5049 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.