Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale - 12 - Francesco Loforte - 12 - Parte II:Le definizioni 4. La pubblicità Appare chiaro ad una prima superficiale scorsa del materiale, che è difficile racchiudere entro un quadro definito gli innumerevoli tipi pubblicitari esistenti, e altrettanto difficile immaginare delle categorie tipiche più ampie entro le quali fare confluire questi ultimi. Si dovrebbe poi abbandonare già da subito l'idea di prevedere singolarmente i modelli pubblicitari di qui in avanti realizzandi 22 . Consapevole di questa moltitudine di possibilità, non rimane che tracciare un profilo essenziale dell'esistente, ricercando poi un collegamento con la realtà giuridica in maniera da enucleare efficacemente i problemi e le questioni aperte. L'art. 2,lett. a) del decreto 74/92 contiene la prima definizione di pubblicità fornita da un testo legislativo italiano (uno dei pochi, a presentare tale definizione, in Europa ) e considera tale <>. Dalla relazione dell'Authority della concorrenza e mercato, viene poi la precisazione che è da ritenersi messaggio pubblicitario <>. L'indicazione delle finalità promozionali "apre" la nozione di pubblicità a una serie il più possibile indistinta e indifferenziata di ipotesi. A tale scopo è stata prescelta per l'applicazione della disciplina, un"Autorità indipendente", sul modello anglosassone, per le capacità d'adeguamento, la flessibilità tipica dell'autorità amministrativa in contrapposizione a quella giurisdizionale, più rigida e scientifica. D'altra parte, la natura di comunicazione d'impresa finalizzata alla promozione di beni,porta ad escludere, dal novero delle pubblicità, la pubblicità a carattere politico e la pubblicità sociale. Un'altra definizione, riguardante il settore televisivo, si trova nella direttiva 89/522/CEE, che non risulta riprodotta comunque nella legge di attuazione:pubblicità è, dunque << ogni forma di messaggio televisivo trasmesso dietro compenso o pagamento analogo da un'impresa pubblica o privata nell'ambito di un'attività commerciale [...] allo scopo di promuovere la fornitura, dietro compenso, di beni o di servizi, compresi i beni immobili, i diritti e le 22 E'infatti noto a molti che il concetto di pubblicità si è evoluto, spinto dalle tecniche di marketing e dalla nascita di nuovi mezzi di comunicazione. La raccolta ufficiale degli usi pubblicitari della Provincia di Milano, realizzata dalla C.C.I.A.A. locale reca oltre la classica pubblicità tabellare, anche promozioni, incentivazioni, sponsorizzazioni,pubblicità diretta, le public relations,le comunicazioni tecniche e, nel suo insieme, la gestione della brand image. 23 AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, Relazione annuale sull'attività svolta, 1995, p10.

Anteprima della Tesi di Francesco Loforte

Anteprima della tesi: La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Loforte Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3081 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.