Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale - 15 - Francesco Loforte - 15 - Il dibattito è ancora aperto in Italia, ove in altri paesi si è già chiuso addirittura facendo ricomprendere nella copertura costituzionale della libera manifestazione del pensiero, la pubblicità commerciale 31 . Il nodo qui considerato 32 risulterà evidente quando si parlerà di pubblicità redazionale ed altre forme di pubblicità non dichiarata come tale. La disciplina che se ne occupa mira infatti,proprio a regolare,attraverso il disvelamento obbligatorio, quei casi di mascheramento della pubblicità da manifestazione del pensiero. La norma dell'art. 4 D. Lgs. 74/92, individuando come illecita la pubblicità redazionale non riconoscibile è orientata alla ricerca del limite fra pubblicità e manifestazione del pensiero, in base ad un criterio funzionale. Fin qui si è parlato della pubblicità come comunicazione proveniente dall'impresa, e non vi è dubbio che la comunicazione pubblicitaria sia necessariamente connessa all'esercizio di attività economiche qualificabili come imprenditoriali, ma secondo la normativa non è indispensabile il requisito dell'attività imprenditoriale, richiedendosi solo l'attività professionale. Il che segna un ulteriore progresso rispetto alle tradizionali regole di legittimazione in materia di concorrenza sleale 33 . Terzo ed ultimo elemento, nell'analisi di queste fattispecie definitrici legali, e specificamente nell'ambito della più rilevante, quella contenuta nel D.lgs 74/92 è la diffusione del messaggio, qualora questa sia in corso,quindi non sia stata inibita e non sia stata sospesa dall'Autorità , come previsto dall'art.7, 5°comma dello stesso decreto. 31 V.A.CERRI, La pubblicità commerciale fra libertà di manifestazione del pensiero,diritto di informazione, disciplina della concorrenza, in Diritto dell'informazione e dell'informatica,1995, p.537 32 L'inquadramento costituzionale della materia si è avuto dopo l'approdo della giurisprudenza alla distinzione fra quanto è da inquadrarsi nell'art.21 e quanto invece all'art 41, con i limiti diversi derivanti dalla diversa sfera di collocazione costituzionale della comunicazione pubblicitaria.Non si può risolvere il problema affermando che l'art.21 riguarda la censura e che nulla toglie che la pubblicità possa essere sanzionata ove scorretta. Il ragionamento per cui la libera manifestazione del pensiero non debba comunque porsi in contrasto con altri valori garantiti,vale a consentire l'applicazione di norme penali o civili, ma non consente di invocare contro qualunque comunicazione ingannevole la semplice disciplina orientata al controllo del fenomeno pubblicitario. 33 V. per es. le c.d."campagne collettive":M.FUSI-P.TESTA-P.COTTAFAVI , op.ult.cit. 1993 p.104 (in merito a comunicazioni pubblicitarie da parte di associazioni professionali, artigianali, o professionali). V.anche G.GHIDINI, Della concorrenza sleale,in Il codice civile,Commentario Milano, 1991,p457, in merito agli atti di concorrenza sleale compiuti da associazioni professionali.

Anteprima della Tesi di Francesco Loforte

Anteprima della tesi: La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Loforte Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3081 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.