Skip to content

La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale - 4 - Francesco Loforte - 4 - Tuttavia, la giurisprudenza costituzionale in materia pubblicitaria risulta scevra da riflessioni e approfondimenti sulla natura comunicazionale della pubblicità 3 .Tali interventi sull'argomento potrebbero diventare sempre più impellenti vista la natura diffusiva sempre più vasta e coinvolgente più mezzi di comunicazione. E visti anche gli interessi incrociati in un quadro non più solo nazionale. In questa prospettiva, il legislatore europeo ha emanato la direttiva CEE 84/450, in linea anche con la libera circolazione dei beni e servizi, che ha adottato un'ampia definizione della pubblicità 4 .Con particolare riferimento al mezzo,è stata emanata la direttiva 552/89 in materia televisiva ove si rileva l'esigenza di una rafforzata tutela del consumatore-telespettatore "senza frontiere", dunque travalicando (già nell'ormai lontano 1989!) i confini nazionali per abbracciare un ambito europeo. In ogni caso,l'indicazione legislativa che scaturisce da questi interventi dimostra che la considerazione della pubblicità come comunicazione e quindi come particolare forma espressiva, non si pone in contrasto con la presenza di normative in qualche modo limitative della libera attività pubblicitaria. La questione centrale però è che le normative di carattere autorizzatorio, in sé legittime, si fondano non su una rilevanza autonoma del messaggio pubblicitario, della sua natura e contenuto, ma sul messaggio quale manifestazione di attività soggetta a controllo pubblico,nel quadro e con le regolamentazioni e le limitazioni riconosciute dall'art.41 Cost (limiti relativi all'utilità sociale, alla sicurezza,alla libertà e dignità umana e ai programmi o controlli determinati per legge).In sostanza, quindi, tali limitazioni incidono sullo svolgimento di attività che comunque, ad esempio, trovano immediato riconoscimento nella previsione dell'art.10 CEDU 5 e non sulla natura e sul contenuto del messaggio. Tali trattamenti (a volte di divieto addirittura) possono in concreto giustificarsi nel raffronto tra esigenze legislative e tutela costituzionale di interessi prioritari. Allo scopo (de jure condendo o in via interpretativa)si potrebbe dunque predisporre un quadro di valori universalmente accettato,con la valutazione delle situazioni rappresentate, le conseguenze di esse, il rapporto tra i modi di presentazione del messaggio e gli intenti sottostanti, e gli effetti poi sul piano economico e sociale. Questi problemi nascono dalla considerazione che la suggestione pubblicitaria può mettere pericolosamente a repentaglio valori diversi dall'autodeterminazione del consumatore, che costituisce, ad oggi il valore assunto a paradigma di 3 Del resto, la Dottrina costituzionalista, nonostante un interesse crescente per il fenomeno informativo, non ha mai trattato sistematicamente la questione (v. infatti i manuali P.CARETTI,Diritto pubblico dell'informazione,Bologna 1999 R.ZACCARIA, Materiali per un corso sulla libertà di informazione e di comunicazione,Padova, 1996)Diversamente A.PARIGI,in I limiti qualitativi della pubblicità commerciale,in Radiotelevisione,a cura di R.ZACCARIA,Trattato di DirittoAmministrativo,a cura di G.SANTANIELLO, Padova, 1996, p582ss., che pone maggiore attenzione agli interessi costituzionali in gioco.V anche, per le particolari caratteristiche del mezzo televisivo,C. PINELLI, Suggestione..cit in Diritto dell'informazione e dell'informatica,1995,p1 4 come <<qualsiasi forma di messaggio che sia diffuso nell'esercizio di una attività commerciale, industriale,artigianale o professionale allo scopo di promuovere la fornitura di beni o servizi, compresi beni immobili, diritti e obblighi>> 5 che sarà bene riportare:1. Ogni persona ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include[..]la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza ingerenza alcuna da parte delle autorità pubbliche e senza considerazione di frontiera. [..]2.L'esercizio di queste libertà, comportando doveri e responsabilità, può essere sottoposto a determinate formalità. condizioni, restrizioni o sanzioni previste dalla legge e costituenti misure necessarie in una società democratica...
Anteprima della tesi: La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale, Pagina 4

Preview dalla tesi:

La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Loforte
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Marco Cuniberti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi