Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale - 7 - Francesco Loforte - 7 - In questo schema, collocheremmo il personal computer a nord-ovest, il gioiello a nord-est, il pacchetto di caramelle a sud-est, a sud-ovest il detersivo 11 . Nel quadrante nord-ovest, (computer) il consumatore compie una ricerca per informazioni, e addiviene ad una serie diversa di dati. E' evidente che la fonte più affidabile risulterà favorita. Nel quadrante nord-est (gioiello), ha una enorme rilevanza l'aspetto dell'immagine, ed il pubblicitario cercherà di lavorare su questo, e spesso come vedremo (V. infra,4,6,12,13,14), non in maniera ordinaria. Nei quadranti a sud, il coinvolgimento economico è basso:da una parte (a sud est) prevale il fattore edonistico e si tende (da parte del pubblicitario) "tentare" l'istinto (le campagne di cioccolatini e caramelle hanno spesso questa caratteristica) ,oppure a rendere il prodotto, di per sè non indispensabile, appetibile dal punto di vista dell'apprendere o del provare, così cercando un improbabile "sfondamento" in altre categorie (e quadranti!) .Dall'altra, a sud ovest, prevale il fattore razionale, ma il consumatore medio non intende destinare molto tempo ai prodotti. Il risultato è che il prestigio della fonte, o dell'esperto che parla del prodotto ha un grosso ascendente sul consumatore,che tende a fidarsi del messaggio pubblicitario così confezionato. Categoria a sé, è poi quella dei prodotti c.d. fly-by-night firms, per i quali frequentissimi sono gli inganni. Trattasi di prodotti di basso costo, di per sé qualificabili come ingannevoli 12 , che le imprese produttrici recano a effetto con l'uso di accorte tecniche pubblicitarie persuasive. In definitiva, quindi, l'intero fenomeno della pubblicità commerciale si svolge, nel lato attivo, nell'ambito di tre direttrici di rilievo costituzionale: manifestazione del pensiero (con le specificazioni che abbiamo sommariamente visto), informazione, iniziativa economica. 11 E' evidente che questo sistema definisce meglio le situazioni di pericolo per l'ingannevolezza dei messaggi, evidenzia le possibili armi a favore del pubblicitario e differenzia le diverse situazioni in base al bene considerato. 12 Il Giurì ha ricordato come il prodotto non possa essere oggetto di giudizio di ingannevolezza, ma soltanto la pubblicità di esso.

Anteprima della Tesi di Francesco Loforte

Anteprima della tesi: La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Loforte Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3082 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.