Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Deficit di aggiornamento della memoria di lavoro nel deterioramento cognitivo lieve

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Le alterazioni fisiologiche del sistema visivo sono in parte a carico del cristallino e legate a una sua diminuita elasticità e opacizzazione, mentre l’invecchiamento fisiologico delle vie acustiche ha come principale conseguenza una graduale compromissione della capacità uditiva, con particolare incidenza per le alte frequenze (Guyton, 1978); l’effetto globale sul comportamento risulta comunque esiguo nel caso di condotte svolte da anni e divenute abituali, alla realizzazione delle quali operano meccanismi altamente automatizzati. Per quanto riguarda l’attenzione, nella popolazione anziana è possibile riscontrare, deficit a carico di alcune componenti della funzione attentiva. L’attenzione non può infatti considerarsi come una funzione cognitiva unitaria, ma come un insieme di differenti componenti e processi, che possono essere selettivamente danneggiati. L’attenzione selettiva è la componente maggiormente studiata e si identifica nella capacità di selezionare in modo privilegiato, alcune informazioni rilevanti, tralasciandone altre di minore importanza. Già negli anni Sessanta si osservò che l’anziano presentava deficit specifici per questo genere di attenzione (Rabbit, 1965). Successivamente si notarono differenze all’interno delle diverse componenti dell’attenzione selettiva: ad esempio, sembra che l’attenzione spaziale implicita sia relativamente conservata mentre emergono difficoltà in compiti che richiedono un orientamento volontario (Posner, 1980). Gli studi sull’attenzione divisa e sostenuta necessitano ancora di ulteriori approfondimenti, tuttavia sembra che i deficit riscontrabili in tali capacità siano collegabili alla difficoltà intrinseca del compito e si evidenzino soprattutto in prove complesse che richiedono notevoli capacità di elaborazione (Craik, 1977; Madden, 1990; Quilter, Giambra, Benson, 1983). Dagli studi effettuati sulla memoria (Craik, 1969; Raymond 1971; Ratti, Amoretti, 1990) emergono posizioni contrastanti circa l’ipotesi che, nell’invecchiamento fisiologico, si verifichi una diminuzione della prestazione nei compiti di memoria a breve termine, esaminata con test di ripetizione di cifre, span di parole e rievocazione libera; sembra

Anteprima della Tesi di Annapaola Prestia

Anteprima della tesi: Deficit di aggiornamento della memoria di lavoro nel deterioramento cognitivo lieve, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Annapaola Prestia Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4907 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.