Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione e gestione dei flussi audiovisivi digitali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

tale spettro si può comprimere il segnale in misura molto maggiore di quanto non si riesca a fare nel dominio del tempo. Di quest’ultimo tipo di codifica fa parte il formato MP3, giunto alla ribalta negli ultimi anni per aver permesso la diffusione, spesso senza il rispetto dei diritti d’autore, di brani musicali, ma che si rivela un formato altamente competitivo per il suo rapporto qualità/compressione. MP3 è l’acronimo di MPEG1 – layer 3, ovvero livello 3, una versione migliore dei due livelli precedenti, e si basa sul modello psico-acustico: durante la compressione vengono eliminate tutte le frequenze non udibili dall’orecchio umano. Il fattore di compressione che tipicamente si ottiene è quello di 1:11 (128Kbit/s), per cui è possibile immagazzinare un minuto di musica in poco meno di un megabyte. Un’evoluzione dell’MP3 è l'MP3Pro che permette un fattore di compressione quasi doppio a parità di qualità sonora. I formati video I formati video oggigiorno presenti sono: • AVI: acronimo per Audio Video Interleave; può contenere video e audio, e queste informazioni possono essere non compresse, o compresse con uno dei numerosi codec che il formato supporta. • ASF: inventato da Microsoft per contrastare il dominio di Real Media nel campo dello streaming video sia in Internet che su reti locali veloci. Come AVI, non è un formato video a sé stante, ma un “contenitore” in grado di consentire lo streaming di alcuni formati video. Oggi in disuso, è stato sostituito dal nuovo formato WMV. • MPEG: La compressione MPEG viene utilizzata da formati come AVI e QuickTime, ma può essere anche un formato a sé stante, identificato usualmente con l’estensione MPG. Permette di mantenere un buon rapporto qualità/compressione.

Anteprima della Tesi di Luca Menozzi

Anteprima della tesi: Comunicazione e gestione dei flussi audiovisivi digitali, Pagina 9

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Menozzi Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2206 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.