Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un mondo di carne artificiale: realtà virtuale, epistemologia e scienze cognitive. Applicazione della teoria enattiva della cognizione nella spiegazione dei sistemi immersivi di realtà virtuale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Inoltre, è bene sottolineare come, assumendo una posizione opposta a quella dei teorici di una perdita del corpo, di una dematerializzazione e simulacralizzazione del reale e dell’umano, in questo lavoro si sostiene che i sistemi di VR consentono una vera e propria affermazione del corpo biologico umano e della sua struttura. I cosiddetti “effetti di realtà” non sono altro che il prodotto del coinvolgimento della nostra struttura sensomotoria, del nostro corpo, in azioni e percezioni secondo questa struttura. Quando commerciamo con i mondi virtuali, ridiveniamo coscienti della nostra condizione di esseri determinati da una struttura biologica poiché è solo la struttura umana a rendere possibile una realtà virtuale ed a convalidarne l’esperienza. Se mondo virtuale e mondo reale hanno qualcosa in comune, questo è il comune marchio enattivo: la struttura umana. È molto importante quindi considerare l’effettività operazionale dell’essere vivente in un dominio virtuale. In quanto strumenti di azione effettiva, completamente controllabili dall’uomo, i sistemi di VR espandono i domini nei quali possiamo mettere alla prova la nostra capacità operativa e ne modificano i vincoli. La VR infine, costituisce una ottima esperienza per coloro che vogliono abbandonare il realismo metafisico ed abbracciare l’epistemologia costruttivista. Essa ci dimostra che non esiste un mondo dato, oggettivo, indipendente dall’esperienza e dal vissuto del soggetto che conosce, percepisce ed agisce, indipendente dalla vita intesa come processo cognitivo. È la nostra corporeità che ci permette di metterci in relazione, di commerciare con mondi diversi. La VR non ci libera dalla responsabilità di enagire mondi determinati dalla nostra struttura biologica e rende tale responsabilità ineludibile.

Anteprima della Tesi di Giovanna Pagano

Anteprima della tesi: Un mondo di carne artificiale: realtà virtuale, epistemologia e scienze cognitive. Applicazione della teoria enattiva della cognizione nella spiegazione dei sistemi immersivi di realtà virtuale, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Giovanna Pagano Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6713 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.