Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Segmenti di mercato e fidelizzazione della clientela bancaria. Il caso Gruppo Monte dei Paschi di Siena

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 dall’evoluzione della domanda e dell’offerta di strumenti finanziari, e la creazione del mercato unico europeo. L’incremento della concorrenza, in particolare, manifesta il suo effetto negativo sullo spread oggetto di analisi influenzando sia il tasso medio attivo, che registra riduzioni percentuali superiori di quelle del tasso ufficiale di sconto, sia il tasso medio passivo, la cui dinamica discendente viene ad essere limitata da fenomeni di vischiosità. Anche le strategie di diversificazione ed innovazione attuate nel comparto degli strumenti finanziari, determinando una maggiore attenzione del pubblico dei risparmiatori circa l’aspetto economico delle diverse forme d’impiego, comportano una ricomposizione del passivo verso forme tecniche più onerose che incrementano il costo della raccolta e provocano, dunque, la riduzione del margine di interesse attraverso la contrazione del mark-down 13 relativo ai depositi. Infine, un ulteriore fattore che ha avuto un impatto sfavorevole sui margini unitari è rappresentato dal minore contributo della pratica contabile dei “giorni valuta” 14 , su cui ha avuto una influenza negativa la diminuzione dei tempi tecnici occorrenti per il trasferimento dei fondi, a seguito del sempre maggiore “contenuto tecnologico degli strumenti di pagamento”. Per ciò che attiene l’effetto esercitato dalla dinamica dei volumi intermediati si deve rilevare come essa fino al 1993 è riuscita a bilanciare, almeno parzialmente, l’andamento sfavorevole dei margini unitari riducendo l’impatto di quest’ultimo sul margine di interesse e contenendo la contrazione complessiva del margine stesso. Peraltro, a partire dall’anno successivo, i volumi intermediati facendo registrare un incremento contenuto, se non persino una contrazione, hanno contribuito all’ulteriore pesante riduzione del margine di interesse, cui ha concorso anche la diminuzione della quota di capitale libero utilizzabile nell’attività di intermediazione tradizionale. 15 13 Per mark-down si intende il contributo fornito dai depositi alla formazione del reddito delle banche. 14 L’effetto valuta, ottenuto sia rinviando, rispetto al giorno del perfezionamento dell’operazione di incasso, il momento dell’accreditamento in conto corrente delle somme movimentate sia, nel caso degli addebitamenti, attribuendo all’operazione di pagamento una valuta antecedente al giorno della contabilizzazione, genera per la banca una riduzione dei costi per interessi passivi spettanti alla clientela depositaria, un incremento dei ricavi per interessi attivi ricevuti dalla clientela affidataria ed un aumento dei proventi finanziari dato dalle “operazioni di impiego delle risorse liberate dalla pratica dei giorni valuta” che influenzano positivamente il margine di interesse. Si veda RICCIARDI A., Il contributo dei servizi di pagamento nell’economia e nel bilancio delle banche, in Rivista Italiana di Ragioneria e di Economia Aziendale n. 516, 2000, pag. 272 – 273. 15 Cfr. CAPPIELLO A., FERRETTI P., I ricavi da servizi nel rinnovato quadro operativo dell’equilibrio bancario, art. cit., pag. 515 ss.

Anteprima della Tesi di Miriam Carmassi

Anteprima della tesi: Segmenti di mercato e fidelizzazione della clientela bancaria. Il caso Gruppo Monte dei Paschi di Siena, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Miriam Carmassi Contatta »

Composta da 307 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9823 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 62 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.