Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alle origini del miracolo economico italiano? L'Italia e l'unione doganale della Comunità Economica Europea 1958-1968

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE Il processo di integrazione è stato ed è tuttora un processo fondamentale delle vicende europee contemporanee. Il continente europeo come anche le relazioni internazionali globali sono stati trasformati da questo processo, che tutt’oggi continua e avanza, pur se tra difficoltà e sconfitte. Le distruzioni arrecate dalla Seconda Guerra Mondiale e le sofferenze a cui furono soggette la maggior parte delle popolazioni europee divennero un monito per l’avvenire, che doveva necessariamente essere di pace e di benessere. Alla fine della guerra l’imperativo maggiore era quello della ricostruzione, che fu perseguita attraverso tutta una serie di iniziative e di istituzioni culminanti nel Piano Marshall e nell’European Recovery Program (ERP), formalmente avviato nell’aprile del 1948. Il Piano Marshall aveva anche l’obiettivo di spingere i paesi europei verso l’integrazione, prima economica ma anche politica. Alla fine degli anni Quaranta l’idea degli Stati Uniti d’Europa sembrava più un obiettivo americano che un disegno europeo, ma le tre idee «europee», quella confederalista, quella federalista e quella funzionalista, erano già vive e pronte a dare il loro contributo per la storia. L’integrazione economica europea, iniziata nel dopoguerra con i primi aiuti americani per la ricostruzione, e continuata con la nascita di una serie di organizzazioni internazionali come l’OECE e l’UEP culminò, nell’aprile del 1951, nella prima invenzione comunitaria: la CECA. Dalla fine degli anni Quaranta al Trattato di Roma sulla Comunità Economica Europea l’integrazione ebbe modo di compiere ulteriori progressi e di cambiare profondamente le relazioni economiche tra gli Stati, avvelenate ed anche impoverite da tutta una serie di restrizioni al commercio internazionale, retaggi di quel regime economico maturato tra le due guerre ed altamente restrittivo.

Anteprima della Tesi di Federico Tani

Anteprima della tesi: Alle origini del miracolo economico italiano? L'Italia e l'unione doganale della Comunità Economica Europea 1958-1968, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federico Tani Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9475 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.