Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La riqualificazione ed il restauro territoriale della Valle dei Laghi e della Valle di Cavedine (Trentino Occidentale)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 Con l�inizio del Mesolitico (8.000 a.C.) si verificano insediamenti a ridosso di ripari sottoroccia, ai bordi del fondovalle. Contemporaneamente si diffondono insediamenti legati alla caccia estiva , nella forma di bivacchi e accampamenti estivi, nelle praterie ad alta quota. Nell�area di studio non si sono ancora rinvenute testimonianze particolarmente significative di tale periodo, eccetto un riparo sottoroccia , in corrispondenza di un piccolo lago ora non pi� esistente, a Moletta Patone, a nord di Arco. Nel Mesolotico recente (tra il 5.800 e il 4.500 a.C.) si accentua la presenza antropica nelle sedi stabili del fondovalle (fenomeno, questo, da mettere in relazione all�aumento dei prodotti vegetali da raccogliere per la grande diffusione dei boschi a latifoglie nel fondovalle), contemporaneamente all�abbandono dei bivacchi e degli accampamenti estivi ad alta quota. Tra il 4.500 e il 4.000 a.C. nell�area, come in tutta l�Italia settentrionale, si diffondono l�agricoltura e l�allevamento. Mentre nella Valle di Cavedine sono assenti rinvenimenti relativi a tale periodo (anche se, data la sua conformazione, sicuramente la Valle � stata interessata dal fenomeno), nella Valle dei Laghi-Basso Sarca testimonianze si sono rivenute nel riparo di Moletta Patone, a nord di Arco, gi� oggetto di insediamento mesolitico. Nel 4.000 a.C. l�area viene colonizzata da popolazioni padane (agricoltori, della �Cultura dei vasi a bocca quadrata�), che si diffondono dal Lago di Garda fino all�Adige, Isarco ed allo spartiacque alpino. Gli insediamenti, con la costruzione di villaggi sui conoidi torrentizi e sui terrazzi delle pendici montane, interessano i principali fondi vallivi. Testimonianze significative di tali apporti si hanno a Moletta Patone, citata precedentemente. Negli ultimi secoli del terzo millennio comincia a manifestarsi nell�area la metallurgia del rame. Tracce di insediamenti di tale periodo sono stati rinvenuti a Monte Mezzana, nella conca di Terlago (�Vaso Campaniforme�). Testimonianze dell�uso sepolcrale (che continuer� fino all�Et� del Bronzo) di piccole grotte e ripari sottoroccia sono state rinvenute a Moletta Patone, alla Cosina di Stravino (Val di Cavedine ) ed al Bus dei Poietti, uno dei pozzi glaciali del sentiero Stoppani presso Vezzano. Tra il 1.900 e il 1.800 a.C., all�inizio dell�Et� del Bronzo, si sviluppa nell� area del Garda e in tutta l�Italia settentrionale la �Cultura di Polada�, con insediamenti su palafitte che sorgono sulle sponde dei laghi e dei fiumi. Con il sistematico disboscamento dei versanti si ricavano ampi territori per le colture e il pascolo; la montagna viene riconquistata per l�alpeggio delle mandrie e delle greggi e alla ricerca di affioramenti di filoni metalliferi.

Anteprima della Tesi di Gabriele Venturini

Anteprima della tesi: La riqualificazione ed il restauro territoriale della Valle dei Laghi e della Valle di Cavedine (Trentino Occidentale), Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Gabriele Venturini Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1557 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile solo in CD-ROM.