Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La libertà politica: Raymond Polin

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 continua evoluzione, la natura subisce inarrestabili cambiamenti, l’uomo, nei secoli, si è evoluto e continua a cambiare le sue abitudini ed i suoi costumi: è quindi evidente che anche una comunità debba continuamente adattare le proprie leggi alle proprie esigenze. ”La trasformazione della legge accompagna più o meno da vicino l’evoluzione delle convinzioni dell’opinione pubblica. E’ un’illusione immaginarsi che la legge possa de- rivare da un artificio che ne sia veramente e durevolmente indipendente. E’ in questo senso che si può dire che la legge esprime l’opinione pubblica, perché ne esprime il credo efficace e realistico” 19 . Se quindi non sorgono dubbi sulla necessità di un continuo rinnovamento dell’autorità e delle leggi di una comunità politica, il discorso cambia, per cui i dubbi sorgono, quando si passa a considerare le possibili modalità di questo cambiamento. Le alternative prospettabili sono due, riforma e rivoluzione, diametralmente opposte quanto a contenuti e a modalità. A queste, peraltro, se ne può aggiungere una terza, costituita dall’anglosassone right of dissent, il diritto di dissentire, altrimenti definito civil desobe- dience cioè disobbedienza civile, consistente nell’assumere un comportamento di totale indifferenza nei confronti delle norme e dei doveri che, secondo il proprio parere, non si ritengono giusti. Un ragionamento del genere mira così a modellare l’autorità e le leggi sulla propria personalità e sulla propria volontà, sino a costruirsi una sorta di Stato su misura; è evidente che un comportamento di questo tipo, se in astratto potrebbe forse ri- tenersi giusto o quanto meno comprensibile, in pratica si traduce in un atteggiamento che sfiora l’anarchismo vero e proprio, e comunque ne costituisce una importante pre- messa: “dal momento in cui ognuno dispone del diritto di consentire e di disobbedire ad ogni istante, di scegliere le sue guerre, le sue autorità, le sue leggi, le sue decisioni, non 19 R.Polin, L’obbligazione politica, 1971, p. 100

Anteprima della Tesi di Guglielmo Napolitano

Anteprima della tesi: La libertà politica: Raymond Polin, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Guglielmo Napolitano Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1693 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.