Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La libertà politica: Raymond Polin

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 siamo dire che tra i due assoluti della natura umana, libertà e comunità, c’è lo stesso rapporto che troviamo nella fisica tra la forza centrifuga e quella centripeta: due forze esattamente opposte, ma che proprio per questo, danno vita ad un fenomeno fisico – il moto di un elettrone attorno al suo atomo, il moto della Terra intorno al Sole, in breve il moto circolare uniforme - che per la sua pulizia, per la sua straordinaria eleganza, per la sua vitale importanza, è il sinonimo della grandezza della natura. “Ogni libertà è per na- tura una funzione di deviazione, di divergenza, di differenza. La libertà è, per natura, selvaggia. Essa comporta una ferocia, un’aggressività, uno spirito di dominio. Recipro- camente, è essenziale che fra le libertà vi sia comunione, la quale non si costruisce sen- za una obbligazione specifica” 3 ; stando così le cose, constatando cioè l’inevitabile con- trasto fra due esigenze, ripeto, necessarie, imprescindibili, per l’uomo, nasce quindi - di- ce Polin - il bisogno di una “obbligazione specifica”, di una volontaria sottomissione a dei limiti, al fine di raggiungere un risultato, la comunità politica, che permetta, nel mo- do migliore possibile, la libera e pacifica convivenza degli uomini. E’ d’altronde quello che, con le loro personali motivazioni, hanno detto Hobbes, Locke, Rousseau, e come loro molti altri, tra cui il filosofo contemporaneo Salvatore Veca, che nel suo saggio di filosofia politica “Una teoria contrattualistica della giusti- zia” scrive: “storicamente il contrattualismo moderno nasce dal rovesciamento di una concezione olistica e organica della società; nasce cioè dalla idea che il punto di par- tenza di ogni progetto sociale di liberazione è l’individuo singolo con le sue passioni, coi suoi interessi, coi suoi bisogni” 4 . 3 R. Polin, La libertà del nostro tempo, 1977, p. 67 4 S. Veca, Una teoria contrattualistica della giustizia, AA.VV. Etica e politica, 1984, p. 73

Anteprima della Tesi di Guglielmo Napolitano

Anteprima della tesi: La libertà politica: Raymond Polin, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Guglielmo Napolitano Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1692 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.