Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La contrattazione collettiva dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

A ciò va poi aggiunto che la fattispecie delineata dalla norma va a ricomprendere non solo il lavoro svolto per conto di un’Impresa ma anche quello per un committente non imprenditore: ciò in quanto la disposizione di cui al n. 3 dell’art. 409 deve coordinarsi con quella di cui al n.1, che si riferisce appunto anche a rapporti “non inerenti all’esercizio di un’Impresa” 3 . Tornando ai requisiti d’identificazione del rapporto si deve sottolineare come quello della continuità va a sottintendere una prestazione che non si presenta in forma occasionale o istantanea e quindi destinata a non ripetersi o a non protrarsi nel tempo. A proposito della prestazione unica che si ripeta o si protragga nel tempo, va però aggiunto come la giurisprudenza prevalente ritenga che il requisito della continuità sia comunque presente nel caso in cui ricorrano due condizioni: il ripetersi nel tempo e in maniera sufficientemente ripetitiva e costante dei contratti di collaborazione e la connessione funzionale tra le singole prestazioni che devono essere complessivamente coordinate, concorrendo così a soddisfare un interesse duraturo del committente e più ampio di quello derivante dal singolo adempimento. Conseguentemente la continuità non viene intesa in senso meramente cronologico ma interagisce con il requisito della coordinazione. Esaminando alcune decisioni giurisprudenziali in proposito si può così rilevare come sia stato ritenuto applicabile l’art. 409 n.3 Cpc, nel caso del rapporto di collaborazione professionale ultratrentennale tra un avvocato ed un ente previdenziale fondato su mandati generali ad lites rilasciati in base a convenzioni susseguitesi nel tempo mentre, viceversa, se n’è esclusa 3 Pedrazzoli M. “Prestazione d’opera e para-subordinazione” Riv. It. Dir. Del Lav. 1984, I, 506; Ballestrero M.V. “L’ambigua nozione di lavoro para-subordinato” Lav. Dir. 1987, 58.

Anteprima della Tesi di Daniele Bordigoni

Anteprima della tesi: La contrattazione collettiva dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Bordigoni Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4887 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.