Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La contrattazione collettiva dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

stare a disposizione del committente e nel potere di quest’ultimo di determinazione delle modalità dell’esecuzione e la disciplina della prestazione: in caso contrario è infatti evidente come si sarebbe varcato il confine con il rapporto di lavoro subordinato 5 . La giurisprudenza, a proposito della coordinazione, va ad identificare la connessione funzionale nella possibilità per il committente di stabilire per grandi linee, il modo di esecuzione della prestazione del collaboratore. Sempre a proposito della coordinazione, va infine aggiunto come la Cassazione la rilevi nel caso esista un rapporto di esclusiva tra il collaboratore ed il committente ma non vada peraltro ad escluderla aprioristicamente nei casi in cui la prestazione sia svolta in regime di pluricommittenza come ad esempio nel caso del procacciamento d’affari per conto di più soggetti. Venendo poi al requisito che più spesso entra in gioco per decidere l’ambito d’applicazione dell’art. 409 n 3 Cpc e cioè quello della natura prevalentemente personale dell’opera, bisogna innanzitutto intenderla come prevalenza dell’attività del prestatore d’opera rispetto sia all’apporto dei propri collaboratori che all’utilizzazione di una struttura di tipo materiale e degli altri fattori per l’esecuzione dell’obbligazione. Conseguentemente è piuttosto agevole escludere dalla previsione dell’art. 409 n3 Cpc quei rapporti in cui l’attività del prestatore d’opera assume un carattere imprenditoriale tale per cui si possa ritenere che egli si limiti ad organizzare e dirigere i suoi collaboratori gestendo una vera e propria Impresa. Neanche colui che ai sensi dell’art. 2083cc. si definisce piccolo imprenditore può farsi rientrare nella previsione dell’art. 409 n3 Cpc, in quanto sempre secondo 5 Santoro Passarelli Opera cit.

Anteprima della Tesi di Daniele Bordigoni

Anteprima della tesi: La contrattazione collettiva dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Bordigoni Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4887 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.