Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marketing territoriale per lo sviluppo locale: il caso ''Corallo e Nuraghi''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

integrata con lo studio delle altre due forme di competizione. Per attrarre parte degli investimenti mobili dell’economia mondiale ora è necessario optare per un regime competitivo aperto. Per parlare di competizione tra territori rifacendosi a definizioni aziendalistiche è necessario prima vedere se la definizione è calzante esportata in questo nuovo contesto. Per Vicari l’impresa riesce a conseguire un vantaggio competitivo duraturo e difendibile se è in grado di formulare una strategia che faccia leva sulle capacità distintive 8 . Nel momento in cui l’impresa è dotata di risorse valide, eccellenti e tra loro connesse, allora riesce a fornire al cliente un valore superiore al cliente in termini di soddisfazione oppure in termini di efficienza, si trasformano quindi in fattori chiave di successo. Day ha suddiviso le capacità in: • outside-in – dipendono dalle necessità del mercato, dalle sfide competitive e dalle opportunità dell’ambiente esterno (formazione, logistica, gestione risorse umane); • inside-out – connettono i processi e definiscono le altre capacità organizzative all’ambiente esterno, in modo che l’impresa possa anticipare le richieste dei clienti; • capacità ponte – integrano le prime due. L’integrazione di queste tre tipologie di capacità permette all’impresa di essere completamente all’erta sul mercato, cogliendo tutti i possibili cambiamenti e anticipandoli. Attraverso l’interazione di tutte le capacità è possibile generare risorse sempre migliori e trasformarle in competenze distintive. In ambito territoriale è possibile usare tali modelli ma la concorrenza si manifesta su due piani: fig. 1.2 – I due piani su cui si manifesta la competizione tra territori Seguendo il modello di Stopford, Strange ed Henley si nota come per nella competizione tra imprese sia necessario rafforzare le condizioni strutturali delle imprese interne, creando un mercato attivo e vivace. Porter infatti sottolinea come le imprese leader si concentrino in aree geografiche con la stessa vocazione di business. Infatti le dotazioni infrastrutturali presenti o distretti industriali già presenti, consentono alle 8 Sul concetto si veda Day in “Le capacità delle organizzazioni market driven” in Cozzi- Ferrero Le frontiere del marketing, (1996). Giappichelli, Torino. COMPETIZIONE TRA TERRITORI ATTRAZIONE DI RISORSE E INVESTIMENTI DALL’ESTERNO RAFFORZAMENTO COMPETITIVITA’ DELLE IMPRESE LOCALI

Anteprima della Tesi di Annalisa Pireddu

Anteprima della tesi: Marketing territoriale per lo sviluppo locale: il caso ''Corallo e Nuraghi'', Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Annalisa Pireddu Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 30781 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 82 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.