Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro sportivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 operai ed invalidi ). Questa fu l’ipotesi di partenza da cui partì l’iniziativa del Pretore Castigliola. Infatti, considerando i calciatori lavoratori subordinati, riteneva che anche per loro dovessero valere le norme sul collocamento ( l. 29 aprile 1949, n.264, D.P.R. 5 giugno 1950 ). Era evidente, però, che mancando gli uffici autorizzati demandati al collocamento nel settore sportivo, il reato insinuato dal Pretore di Milano non sussisteva. Questo decreto, impedendo di fatto l’inizio del campionato, avrebbe potuto avere notevoli ripercussioni sul piano politico e, presumibilmente, dell’ordine pubblico. Il tempestivo intervento del Governo, culminato col d. l. 17 luglio 1978, n. 367, stabilì che i rapporti tra atleti e società, in quanto ritenuti speciali ed autonomi, rimanessero di competenza degli statuti e regolamenti delle Federazioni riconosciute dal C.O.N.I. e determinò che a questi rapporti non fossero applicabili le disposizioni sul collocamento, tralasciando di chiarire la questione relativa al vincolo sportivo, che continuava a considerare a tempo indeterminato il legame tra atleta e società sportiva, limitando la libertà contrattuale e quella di recesso, di cui ogni atleta ha il diritto di godere 7 . L’esigenza era quella di garantire “ordine e certezza, indispensabili per il regolare esercizio di ogni attività agonistica”, anche perché il settore calcistico si stava sviluppando sempre più velocemente sia sul piano sociale, sia su quello economico. L’obiettivo diventava quello di assicurare una reale tutela degli interessi degli atleti, evitando in tal modo la possibilità del proliferare di “forme di sfruttamento e di prevaricazione da parte delle società a scapito di questi ultimi” 8 . L’atipicità del fenomeno 7 ROTUNDI F. , La legge 23 marzo 1981, n.91 ed il professionista sportivo: genesi, effetti e prospettive future, in Riv. dir. sport. , 1990, 312ss ; 8 CUCCINIELLO B. , considerazioni in tema di “contratto di lavoro sportivo professionista”: prescrizioni di forma e di contenuto nell’art. 4 l. 23 marzo 1981, n.91, in Rass. Dir. civ., 1996, 449;

Anteprima della Tesi di Alessandro Messina

Anteprima della tesi: Il lavoro sportivo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Messina Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4656 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.