Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Operazioni delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace e obblighi di diritto internazionale umanitario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Tuttavia, qualunque sia il fondamento giuridico 20 di ogni singola operazione, e quali che siano le variabili che influiscono sulla composizione della forza o nella formulazione e durata del mandato, ciascuna forza di mantenimento della pace pu� essere considerata un organo sussidiario e i suoi membri degli agenti delle Nazioni Unite. 21 Per quanto riguarda la definizione di queste forze militari come un organo sussidiario delle Nazioni Unite, essa si pu�, in linea di principio, far derivare direttamente dalle disposizioni della Carta: l�art.22 conferisce all�Assemblea Generale la facolt� di creare degli organi ad hoc per svolgere le proprie funzioni; l�art.29 attribuisce al Consiglio di Sicurezza la stessa facolt�. 22 La qualificazione delle forze di pace come organo sussidiario delle Nazioni Unite � inoltre contenuto nella maggior parte dei regolamenti delle diverse operazioni costituite dall�Organizzazione fin dall�inizio. Per contro, i membri delle forze di mantenimento della pace sono stati ripetutamente definiti agenti delle Nazioni unite in diverse risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, che ha preferito questo termine a quello pi� generico di �personale internazionale� 23 . Si rende ora necessario ricordare che la qualifica di �agenti� � da intendere nel significato di �agente delle Nazioni Unite�, come risulta 20 Vi � ancora un aperto dibattito in dottrina riguardo al fondamento giuridico delle operazioni di peace-keeping; sul tema, cfr. CONFORTI �Le Nazioni Unite� cit., p.197 e ss.; MARCHISIO, �L�ONU. Il diritto delle Nazioni Unite�cit., p.261 ss., gli scritti sulle operazioni delle Nazioni Unite pubblicati in PICONE (a cura di), �Interventi delle Nazioni Unite e diritto internazionale�, Padova, 1995: in particolare il contributo di CONFORTI, p.5 ss.; CELLAMARE, op. cit., p.205 ss. e PINESCHI, op. cit., p.44 ss. 21 CONDORELLI, op. cit., p.883. Sull�argomento si veda, inoltre, il contributo di EMANUELLI, �Les actions militaires de l�ONU et le droit international humanitaire�, Ottawa, 1995, p.10, che definisce le �[�] forces de mantien de la paix (Casques Bleus) des organes subsidiaires des Nations Unies constitu�s sur la base des articles 22 ou 29 de la Charte�. 22 L�art. 22 e l�art. 29 della Carta prevedono rispettivamente e con la stessa formula, il primo per l�Assemblea Generale ed il secondo per il Consiglio di Sicurezza, la possibilit� di: �establish such subsidiary organ as it deems necessary for the performance of its functions�. 23 Quest�espressione si ritrova ad esempio nell�art.6 del regolamento interno dell� UNEF del 1957 e nell�art.6 di quello dell�ONUC (Op�ration des Nations Unies au Congo) del 1960. Tali articoli prevedono che: �The members of the Force, [�] are, [�] international personnel under the authority of the United Nations [�]�, SIEKMANN, op. cit., p.38 e p.90.

Anteprima della Tesi di Gian Luca Beruto

Anteprima della tesi: Operazioni delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace e obblighi di diritto internazionale umanitario, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gian Luca Beruto Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7879 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.