Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le obbligazioni bancarie: profili normativi e implicazioni gestionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAP. I – IL QUADRO NORMATIVO DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE tempo dell’emissione, fino a che l’ammontare del capitale sociale e della riserva legale non eguagli l’ammontare delle obbligazioni in circolazione. L’emissione di obbligazioni costituisce per le società bancarie una tipica operazione di raccolta di mezzi finanziari con vincolo di credito presso il pubblico e utilizza quella peculiare forma di raccolta del risparmio costituita da titoli di credito di massa. Le fonti normative sull’emissione dei titoli obbligazionari bancari risalgono alla l.b. 1936-38, che però comportava problemi interpretativi e applicativi in particolar modo in riferimento all’ultimo comma dell’art. 2 e all’art. 45. L’espressione utilizzata dal legislatore “è soggetta ad autorizzazione ogni emissione…di obbligazioni…” evidenzia come la legge bancaria doveva regolare ogni forma di raccolta del risparmio tra il pubblico, ivi compresa quella sviluppata con il tradizionale strumento obbligazionario. Al tempo stesso, però, l’art. 44 l.b. non definiva un modello di titolo tecnicamente differenziato, rispetto alle ordinarie obbligazioni emesse da società non bancarie e definite nella pregressa legislazione, la quale, a tal proposito, non distingue la normativa della società bancaria da quella delle società svolgenti altra attività commerciale. La preliminare autorizzazione, da parte dell’Autorità di Vigilanza, all’emissione di obbligazioni, ritenute funzionali alla sola raccolta nel medio e lungo periodo, tende al principio di specializzazione tra aziende ed istituti di credito. Infatti, in relazione alla raccolta, prima dell’emanazione del d. lgs. 481/1992 il mercato poteva essere suddiviso in tre grandi segmenti: a) la raccolta a vista e quella vincolata fino a 18 mesi, riservata alle aziende di credito; b) la

Anteprima della Tesi di Andrea Orfino

Anteprima della tesi: Le obbligazioni bancarie: profili normativi e implicazioni gestionali, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Orfino Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3475 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.