Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Esperienze di teatro e terapia in Italia dal 1990 al 2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 partecipanti in grado di “esprimere e rapportarsi con i problemi che incontreranno o per mantenere il benessere e la salute del cliente” (JONES 2000, p. 6). La disciplina si presenta quindi, attraverso l’utilizzo di tecniche verbali e non-verbali, come valido approccio nella costituzione di una sana identità individuale, un importante metodo di “gioco e lavoro che utilizza metodi attivi per facilitare la creatività, l’immaginazione, l’apprendimento, intuizione e crescita” 17 , secondo una recente definizione della BADth, l’associazione britannica che rappresenta i drammaterapeuti e disciplina le loro pratiche professionali. In realtà, non è facile impresa dare una corretta e sintetica definizione di una disciplina che sin dall’inizio si caratterizza per il suo estremo eclettismo, sia per quanto riguarda le fonti di riferimento, che coinvolgono entrambi gli ambiti teatrali e terapeutici, sia gli strumenti usati, che spaziano dall’ambito teatrale a quello, più sfuggente e indefinito, della drammatizzazione. Minimi spostamenti di prospettiva paiono dare slittamenti di senso e definizioni diverse. Il drammaterapeuta italiano Salvo Pitruzzella, ad esempio, descrive la drammaterapia come: “una terapia creativa, centrata sull’uso artistico dell’immaginazione e sull’uso espressivo del corpo” (PITRUZZELLA 2000, p. 196), centrando apparentemente l’attenzione sul processo artistico più che sul risultato terapeutico. Altri drammaterapeuti, pur tornando a sottolineare l’intento curativo della disciplina, attribuiscono gran parte della bontà terapeutica della stessa non tanto agli strumenti a mediazione psicoterapeutica, quanto al “potenziale ‘terapeutico’ che ogni cultura ha riconosciuto ai processi e alle tecniche e drammaturgiche” (CAVALLO 2001, p. 127). Il dibattito e lo scambio di opinioni su un’uniforme definizione del termine prosegue tuttora assai vivacemente. La causa può essere parzialmente ricercata nella continua evoluzione della disciplina e della sua pratica e dunque delle definizioni a essa correlate. Ma soprattutto, come nota Meldrum, drammaterapeuta inglese, la discordanza tra differenti versioni può essere ricondotta a una frattura interna al pensiero attorno alla disciplina, causata sai drammaterapeuti stessi. Poiché, come afferma l’autrice stessa, “Some want dramatherapy to declare itself as a therapy based on theatre art; others wish to declare dramatherapy to be a form of psychotherapy” 18 (MELDRUM 1994, p. 18). Una differenza di prospettive che non porta, nella mia opinione, a una netta separazione metodologica tra le diverse ottiche adottate quanto piuttosto a una diversa focalizzazione in 17 Citazione tratta dalle informazioni contenute nel sito web www.dramatherapy.gr aggiornato al 3 gennaio 2003. 18 “Alcuni vogliono che la drammaterapia si dichiari come una terapia basata sull’arte teatrale, altri vorrebbero indicare nella drammaterapia una forma di psicoterapia”. Per approfondire i termini del dibattito, cfr. “Historical background and overview of dramatherapy” di Brenda Meldrum in JENNINGS 1994 b , (pp. 12-27), in particolare alle pp. 16-19.

Anteprima della Tesi di Manuela Mattei

Anteprima della tesi: Esperienze di teatro e terapia in Italia dal 1990 al 2002, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Manuela Mattei Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12009 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.