Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'università valutata: concetti e metodi di valutazione tra adempimenti e risultati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE - 11 Introduzione L’oggetto di analisi di questo lavoro è l’implementazione del processo di valutazione nella realtà dell’Università italiana. La vastità degli ambiti in cui l’attività di valutazione è applicata, i diversi paradigmi ad essa associati e le molteplici tecniche utilizzabili per valutare hanno inevitabilmente comportato la scelta di circoscrivere il tema ad un campo ben definito, l’istituzione universi- taria, consapevoli dell’applicabilità dello stesso concetto a numerose realtà. L’alta concentrazione di argomenti riferiti al mondo universitario e di soggetti istituzionali diversi che si occupano di valutazione, specializzati in settori 1 , hanno obbligato a ridurre ulteriormente il raggio di indagine alla sola valuta- zione delle attività istituzionali dell’Università (didattica, ricerca, gestione am- ministrativa), attraverso il particolare punto di vista del Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario (CNVSU). Gli obiettivi e le diretti- ve proposte da quest’organismo, per conto prima del Ministero dell’Università della Ricerca Scientifica e Tecnologica (MURST) e ora del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR), sono il canale principale di indagine, attraverso il quale concentrare l’attenzione su quanto realmente operato in materia dagli Atenei. Il tema della valutazione è stato, infatti, affron- tato indagando intorno all’operato delle Università, delle Facoltà, dei Nuclei di Valutazione, in riferimento a quanto richiesto dal CNVSU, evidenziando, natu- ralmente, i caratteri originali che si sono potuti rilevare. Il restringimento dell’attenzione alla sola valutazione istituzionale è frutto di una lunga ricerca bibliografica, che ha mostrato gli aspetti complessi e multiformi del concetto stesso di valutazione. Per questa ragione si sono presi come primo riferimento gli atti e i documenti normativi che stabiliscono la ne- cessità e le modalità di valutazione e attraverso i quali si è potuto intuire le re- lazioni sottese con la realtà universitaria. L’interesse al tema è stato dettato da due motivazioni particolari. La prima nata con lo studio dei processi di formazione e la conseguente sensazione che questi dedichino poca attenzione alla valutazione dei processi educativi. Ho per questo avuto l’impulso di approfondire questo tema, cercando di con- tribuire alla letteratura. La seconda ragione invece si riferisce al mio status di studente, che si è direttamente confrontato con i processi valutativi della didat- tica, alla fine di ogni corso frequentato. La curiosità di conoscere l’utilità di una pratica che appariva quasi priva di significato vista la mancanza di feedback, e 1 Un esempio per tutti è il CIVR (Comitato di Indirizzo per la Valutazione della Ricerca), sito www.civr.it

Anteprima della Tesi di Luca Cuzzocrea

Anteprima della tesi: L'università valutata: concetti e metodi di valutazione tra adempimenti e risultati, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Luca Cuzzocrea Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2709 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.