Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno del dropout dai trattamenti nei disturbi del comportamento alimentare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

miglioramento dell’umore (Ferguson, 1997; Gwirtsman et al., 1990). Uno studio placebo-controllato ha mostrato che la fluoxetina non ha conferito significativi benefici rispetto al placebo nel trattamento di donne ospedalizzate per AN (Attia et al., 1998). Dati incoraggianti sono invece emersi da uno studio in aperto placebo- controllato di Kaye et al (Kaye et al., 2001), che ha evidenziato l’efficacia della fluoxetina nella prevenzione delle ricadute che seguono il recupero ponderale ottenuto con l’ospedalizzazione. Ferguson e collaboratori (1999) hanno dimostrato inoltre che gli SSRI non hanno alcun effetto sulle anoressiche gravemente sottopeso che hanno chiari sintomi di denutrizione. Ciò viene attribuito dagli autori alla carenza di triptofano e alla sregolazione degli steroidi gonadici che, a loro volta, regolano i recettori serotoninergici cerebrali. Uno studio aperto controllato ha esaminato gli effetti della sertralina in un campione di 11 pazienti anoressiche, dimostrando l’efficacia di questo farmaco nel migliorare i sintomi depressivi, l’inefficienza, la mancanza di consapevolezza enterocettiva ed il perfezionismo in maniera significativa rispetto al gruppo controllo (Santonastaso et al., 2001). Più recentemente il nostro gruppo ha condotto uno studio su pazienti anoressiche con citalopram, che ha evidenziato un miglioramento del tono dell’umore, dei sintomi ossessivi-compulsivi, dell’impulsività e della rabbia di tratto (Fassino et al., 2002). Ciproeptadina La ciproeptadina è un potente antagonista serotoninergico e istaminico. Il suo utilizzo nelle manifestazioni allergiche ha messo in luce anche una sua induzione all’aumento ponderale. Gli studi effettuati sull’azione della ciproeptadina sono

Anteprima della Tesi di Andrea Pierò

Anteprima della tesi: Il fenomeno del dropout dai trattamenti nei disturbi del comportamento alimentare, Pagina 11

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Andrea Pierò Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7170 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.