Skip to content

Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il regolamento UE 1400/2002 4 l’investimento, l’accesso alle informazioni sarebbe comunque loro precluso perché protette da copyright dei costruttori. Per quanto riguarda i produttori di parti, che in realtà da soli realizzano l’80% di una autovettura lasciando al costruttore l’onere dell’assemblaggio, la loro posizione è spesso pronunciata in tono minore per quel cortocircuito di interessi dovuto alla loro doppia veste nel settore, a causa del rapporto di fornitura di primo equipaggiamento con le case costruttrici. Si trovano dunque ad essere fornitori e concorrenti allo stesso tempo, con evidenti conseguenze in termini di problemi legati a questa posizione. Ciononostante appare evidente che saranno i primi beneficiari, assieme ai consumatori, della nuova regolamentazione del settore, potendo ora definire i propri prodotti venduti a marchio proprio come “originali” nel caso si tratti di prodotti impiegati dalla stessa casa costruttrice, e come “ricambi di qualità corrispondente” qualora certifichino che i prodotti così commercializzati presentano le medesime caratteristiche dei prodotti utilizzati in primo equipaggiamento. L’analisi dell’impianto normativo nel capitolo 2 parte dalla dichiarazione del fallimento del previgente regolamento 1475/95 1 . Si tratta del punto di partenza da cui la Commissione ha mosso i passi verso il nuovo regolamento, determinata questa volta a concedere una block exemption in regola col comma 3 dell’articolo 81 del trattato CE: le esenzioni per categoria sono ammissibili solo se congrua parte dei vantaggi ricade sui consumatori. Alla base del comma 3 art. 81 c’è la constatazione che in molti settori la semplice equazione “più mercato più efficienza” imposta all’art.81 debba essere temperata. Da qui nascono i regolamenti di esenzione per categoria (cfr reg.2790/99) o, nel nostro caso, i regolamenti dedicati come il 1475/95 e poi l’attuale 1400/02. La Commissione ha licenziato un testo dai nobili principi ispiratori, acciaccati qua e là dalle necessità oggi vere di una lobby dei produttori un po’ ansimante per una delle classiche crisi cicliche del mercato, ma soprattutto minata alla base dalle proprie stesse politiche di prodotto e mercato, che hanno prima spostato la competizione sul prodotto azzerandone i margini e costringendo a cercare la redditività nell’assistenza, poi hanno reso anche questa intrinsecamente poco redditizia a causa dell’aumentare della qualità dei prodotti. La strada seguita è certamente improntata alla gradualità dell’intervento, volto tuttavia ad 1 “La conclusione formulata nella relazione indica che l'esenzione per categoria non ha conseguito una parte degli obiettivi fissati dalla Commissione nel 1995 nel rinnovare l'autorizzazione ad utilizzare reti di distribuzione selettiva per la vendita di autoveicoli. È preoccupante constatare che soprattutto i consumatori non traggano da questo sistema di distribuzione la congrua parte dell'utile che dovrebbe derivarne in seguito alla creazione del Mercato Interno” (IP/00/1306, settembre 2000)
Anteprima della tesi: Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lucio Tropea
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giovanni Costa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

reti distributive
settore automobilistico
renault
mercato automobilistico
porsche
distribuzione automobilistica
regolamento 1400-2002
concessionarie di automobili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi