Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il regolamento UE 1400/2002 8 apprezzati dal pubblico che si trovano in difficoltà a soddisfare la domanda e viceversa Case o marchi afflitti dal problema opposto. Costituiscono poi un caso a parte i prodotti appartenenti ad alcuni segmenti come le auto sportive o alcuni modelli di nicchia dove la domanda non è qualificabile come di sostituzione ma risponde esclusivamente a logiche di acquisto voluttuario. Il risultato è una volatilità ancora più spiccata della domanda in queste nicchie che risentono fortemente di mode passeggere e dell’effetto novità, con problemi ancora maggiori nel dimensionamento delle linee produttive, controbilanciata tuttavia da una maggiore disponibilità all’attesa dei clienti rispetto alla media. Si tratta di nicchie soggette a dinamiche di funzionamento proprie e che per questo vanno considerate un mercato a parte rispetto al mercato dell’auto come viene comunemente inteso: i volumi di produzione sono tuttavia così ridotti da non influenzare le conclusioni tratte sui dati complessivi di settore, pur essendo questi onnicomprensivi. Il settore è stato caratterizzato da fenomeni di raggruppamento di marchi sotto le insegne dei gruppi più solidi dal punto di vista finanziario, strategia che ha portato ad uno stato attuale in cui esistono oltre 40 marchi per un totale di 250 modelli offerti, dato questo ultimo che evolve con un trend positivo verso una personalizzazione sempre più spinta del prodotto declinato nel più ampio numero possibile di varianti. Alla luce della contrazione/stagnazione della domanda la diversificazione non sarebbe stata sostenibile se non apportando delle significative evoluzioni alle logiche produttive sottostanti. Si è assistito dunque nei primi anni 90 all’adozione da parte delle Case di una strategia di unificazione dei pianali, che hanno permesso la diversificazione del prodotto finale distribuito con marchi diversi a partire da un numero ridotto di piattaforme progettuali. La tendenza sembrerebbe ora quella di evolvere da questo schema ad un sistema produttivo che 1 cfr. grafico immatricolazioni fig. 1.1 Immatricolazioni di veicoli per trasporto passeggeri in EU (15) 14,60 14,30 14,81 14,38 14,292 14,00 14,20 14,40 14,60 14,80 15,00 1 9 9 9 2 0 0 0 2 0 0 1 2 0 0 2 2 0 0 3 anno m i l i o n i Fonte: elaborazione dati ACEA 1999-2003 fig. 1.1

Anteprima della Tesi di Lucio Tropea

Anteprima della tesi: Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lucio Tropea Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3727 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.